Castel San Pietro, il Giardino degli Angeli si apre alle persone non vedenti e non udenti

Il parco di Castel San Pietro tra i 20 progetti finanziati dal Fai. Contributo di 9mila euro per il nuovo percorso inclusivo

0
13 Numero visite

C’è anche il Giardino degli Angeli di Castel San Pietro Terme fra i 20 progetti nazionali che il Fondo per l’Ambiente Italiano ha deciso di sostenere a seguito del Censimento “I Luoghi del Cuore”. Con 6.815 voti il giardino castellano era infatti arrivato al secondo posto in Emilia Romagna e al 47° in tutta Italia.

PUBBLICITA

«Grazie al contributo di 9mila euro, il FAI sosterrà un innovativo progetto di valorizzazione del giardino che lo renderà fruibile a tutti a 360° – comunica il Comune castellano -. Verrà infatti realizzato un percorso dedicato a disabili visivi e uditivi, progettato dall’Istituto dei ciechi Cavazza di Bologna, che sarà disponibile per tutti i visitatori».
Il progetto prevede l’installazione di cinque postazioni sonore, dedicate in particolare ai non vedenti: una si trova all’ingresso e le altre nelle quattro diverse ambientazioni di cui è composto il giardino. Scaricando l’apposita app, le postazioni si attivano al passaggio nelle varie zone, spiegandone la storia e le caratteristiche.

Ci saranno anche una 50ina di postazioni dotate di QR code che consentiranno di sentire approfondimenti botanici. Tutti i testi sono stati studiati con particolare attenzione ai visitatori non vedenti, grazie ai consigli dell’Istituto Cavazza. Invece i non udenti, sempre attraverso un’app, potranno visualizzare in forma scritta le spiegazioni sulla storia e le piante del giardino.
«I nostri complimenti a Valerio Varignana e all’associazione che gestisce il giardino, e grazie a tutti i cittadini che con il loro voto hanno contribuito a questo bellissimo risultato!» ha dichiarato il sindaco Fausto Tinti appena appresa la bella notizia.

Un cuore verde a pochi passi dal centro
Il Giardino degli Angeli, nato nel 2008, è il luogo creato dai genitori di Sara, ragazzina scomparsa per una grave malattia all’età di 14 anni nel 2006, e da moltissimi volontari con la collaborazione del Comune e di alcuni sponsor.

Realizzato a forma di cuore su una superficie di circa 4.000 metri quadrati, conta diverse centinaia di piante e un laghetto.

Sin dalla sua inaugurazione è oggetto di servizi televisivi e giornalistici e di apprezzamenti e riconoscimenti. Nel 2009 si è costituita l’associazione onlus “Il Giardino degli Angeli”, che organizza iniziative per aiutare bambini gravemente malati e le loro famiglie in difficoltà, e si occupa della manutenzione del Giardino.

 

PUBBLICITA
Notizia