Google lancia Live Caption su smartphone Android, prima su Pixel 4

0
116 Numero visite

Con il lancio della serie di smartphone Pixel 4, Google ha introdotto per la prima volta su smartphone Live Caption, il suo sistema di sottotitoli automatico introdotto per la prima volta un decennio fa nel player di Youtube. Entro fine anni arriverà su altri smartphone Google Pixel, mentre dal 2020 si troverà su smartphone Android anche non-di-Google.

Da dieci anni a questa parte, la tecnologia Live Caption rende i video online su Youtube più accessibili, trascrivendo in tempo reale l’audio nella parte inferiore del player, eventualmente anche con la traduzione in un’altra lingua sempre in tempo reale. Questa stessa tecnologia ora arriva sugli smartphone Android, inizialmente sulla serie Pixel 4. Con un solo tocco, sottotitolando automaticamente i video e l’audio parlato in riproduzione sul dispositivo, ad eccezione delle chiamate voce e video.

Come funzionano i Sottotitoli in tempo reale su Pixel 4 (e in futuro su altri smartphone Android)

 

La trascrizione avviene in tempo reale e completamente sul dispositivo, quindi funziona anche se lo smartphone non è connesso ad internet tramite la rete dati mobile o via Wi-Fi. Parola di Brian Kemler, Product Manager di Android Accessibility, le trascrizioni restano private e non lasciano mai il telefono, cosi’ da aumentare il livello della privacy.

Il testo che viene trascritto in tempo reale non interferisce con ciò che si sta guardando sullo schermo, le didascalie si possono posizionare ovunque si preferisce sullo schermo. E se i sottotitoli sono troppo veloci a scorrere, è possibile toccare due volte la didascalia per espanderla e vedere piu’ testo.

L’idea è di rendere ‘ascoltabili’ i video e i media anche se non si ha la possibilità di sentire bene l’audio dal dispositivo, ad esempio se non si hanno a disposizione cuffie o auricolari o si è in un ambiente rumoroso (ad esempio in autobus o allo stadio) o viceversa quando è meglio tenere lo smartphone silenzioso (esempio al cinema). La funzione puo’ tornare utile anche alle 466 milioni di persone nel mondo sorde o con problemi di udito per le quali i contenuti video senza alcuna trascrizione dell’audio diventano quasi inaccessibili.

Simile al modo in cui è stata progettata la funzione Live Transcribe lanciata all’inizio di quest’anno, Live Caption è stata sviluppata in collaborazione con comunità di persone sorde e con problemi di udito oltre a partner come la Gallaudet University, la principale università al mondo per non udenti e con problemi di udito.

Esempio di come funziona Live Caption durante la riproduzione di un video sullo smartphone

Disponibilita’ di Live Caption

Al lancio prima sui dispositivi Pixel 4, la funzione Live Caption supporta la lingua inglese ma Google ha già pianificato di ampliarne la disponibilità a più lingue nel prossimo futuro. In questa fase iniziale di lancio, Google ha detto che alcuni sottotitoli potrebbero non essere sempre perfetti in quanto dipendono dalla qualità del suono ma lo sviluppo della tecnologia continuerà per migliorare nel tempo.

Dopo il debutto esclusivo su Pixel 4, Live Caption arriverà poi anche sui telefoni Pixel 3Pixel 3 XLPixel 3a e Pixel 3a XL di Google entro la fine di quest’anno, mentre in futuro dovrebbe arrivare anche su alcuni smartphone Android di altri produttori – Google sta già lavorando con altri produttori di telefoni Android per rendere Live Caption più ampiamente disponibile nel corso del 2020.

https://www.pianetacellulare.it/

 

Newsletter