Ezechiele viene considerato il profeta che fa da ponte tra due diverse epoche della storia d’Israele, quella pre-esilica e quella post-esilica; è situato tra Geremia e Daniele; la sua attività sociale e religiosa si svolge fra i deportati. Egli stesso descrive le sue vicissitudini: nel 597 a.c., quando aveva circa venticinque anni, venne deportato da Nabucodonosor in Babilonia.

Delle molteplici visioni di Ezechiele alcune sono state ripetutamente rappresentate in opere d’arte. Fra di loro è singolarmente significativa quella, grandiosa, del campo cosparso di ossa secche che al soffio di Dio riprendono vita rivestendosi di carne. Se per i giudei tale visione è simbolo della sicura restaurazione nazionale a gloria di Dio e a dimostrazione della sua potenza, per i cristiani è assurta a simbolo della resurrezione della carne.

Ezechiele viene detto anche il profeta muto. Ecco di seguito i passi che ci riguardano:

(3, 22-27) Allora uno spirito entrò in me e mi fece alzare in piedi ed egli mi disse: «Va’ e rinchiuditi in casa. Ed ecco, figlio dell’uomo, ti saranno messe addosso delle funi, sarai legato e non potrai più uscire in mezzo a loro. Ti farò aderire la lingua al palato e resterai muto; così non sarai più per loro uno che li rimprovera, perché sono un popolo ribelle. Ma quando poi ti parlerò, ti aprirò la bocca e tu riferirai loro: Dice il Signore Dio: chi vuole ascoltare ascolti e chi non vuole non ascolti; perché sono un popolo ribelle».

(24, 15-22) Tu, figlio dell’uomo, il giorno in cui toglierò loro la loro fortezza, la gioia della loro gloria, l’amore dei loro occhi, la brama delle loro anime, i loro figli e le loro figlie, allora verrà a te un profugo per dartene notizia. In quel giorno la tua bocca si aprirà per parlare con il profugo, parlerai e non sarai più muto e sarai per loro un segno: essi sapranno che io sono il Signore».

(33, 21-22) “La sera prima dell’arrivo del fuggiasco, la mano del Signore fu su di me e al mattino, quando il fuggiasco giunse, il Signore mi aprì la bocca. La mia bocca dunque si aprì e io non fui più muto”.

La Chiesa ricorda il profeta Ezechiele il 23 luglio.

P. Vincenzo Di Blasio

 

Newsletter