San VITO Adolescente martire Mazara del Vallo (Trapani), III sec. – Lucania, 15 giugno 303

0
23 Numero visite

San Vito, venerato localmente anche come san Vito martire o san Vito di Lucania, nacque presumibilmente a Mazara del Vallo nel 286 d.C. e morto il 15 giugno del 303 d.C.

San Vito orfano di madre, fu affidato ad una nutrice e a un educatore cristiani, che lo educarono alla fede cristiana. Egli ancor fanciullo si distingueva per fervore nel praticare la fede e coraggio nel professarla. San Vito fa parte dei 14 Santi Ausiliatori, molto venerati nel Medioevo, la cui intercessione veniva considerata particolarmente efficace nelle malattie o specifiche necessità. Gli altri tredici Ausiliatori sono: Acacio, Barbara, Biagio, Caterina d’Alessandria, Ciriaco, Cristoforo, Dionigi, Egidio, Erasmo, Eustachio, Giorgio, Margherita, Pantaleone. San Vito protegge i muti, i sordi e singolarmente anche i ballerini, per la somiglianza nella gestualità agli epilettici (ballo di san Vito). Per il grande calderone in cui fu immerso, è anche patrono dei calderai, ramai e bottai. Si ricorda il 15 giugno.

P. Vincenzo Di Blasio

Newsletter