Home Storie & Persone Come nasce la lingua dei segni: il Rinascimento inventa la lingua per...

Come nasce la lingua dei segni: il Rinascimento inventa la lingua per i sordi

Vi siete mai chiesti come nasce la lingua dei segni e soprattutto dove?

Dalle prime notizie che abbiamo riguardo persone affette da sordità, sappiamo che esse erano spesso emarginate. Considerate inabili e incapaci di qualsiasi attività, gli si attribuiva non solo la sordità ma anche il mutismo, ciò l’impossibilità di parlare. 👍

Poiché non potevano imparare né a leggere né a scrivere, nell’antica Roma gli si negava il diritto a fare testamento. Addirittura Aristotele sosteneva i non udenti dalla nascita fossero incapaci di idee morali e di pensieri astratti e, per questo motivo, non potevano parlare.

Con l’avvento del Cristianesimo si cominciò a dubitare anche che le persone sorde potessero accedere alla parola del Vangelo e quindi alla salvezza.

Solo nel XVI secolo, si cerca per la prima volta di insegnare alle persona affette da questa disabilità di educarle a comunicare con gli altri.

Il primo a fare dei progressi in questa direzione fu il medico benedettino Pedro Ponce de Leon; egli riesce a insegnare a parlare a due bambini nati sordi, ma oggi non ci rimane nulla del suo metodo.

Metodi violenti e lenti progressi

Nel 1620 un altro spagnolo, Juan Pablo Bonnet, critica aspramente i metodi brutali che alternavano grida, torture alla gola, mentre egli proponeva un metodo semplice grazie al quale i non udenti avrebbero imparato a pronunciare le parole e poi a fare delle frasi.

La caratteristica di questo metodo era associare ogni lettera a un gesto della mano destra, così da associare ogni lettera a un fonema che imparavano a emettere.

Sicuramente era un procedimento complesso, specialmente per tutti i termini non concreti.

Intorno alla seconda metà del ‘700, l’abate francese Charles Michel de l’Epée crea un metodo ancora più innovativo per educare i sordi; grazie a lui nascerà il primo Istituto nazionale per i bambini sordi di Parigi.

L’innovazione era l’inserimento di segni metodici per esprimere congiunzioni, preposizioni ed elementi di grammatica.

I suoi discepoli, poi, fonderanno scuole in altri paesi come Svizzera, Spagna, Austria e Paesi Bassi.

E in Italia

Ecco come nasce la lingua dei segni, grazie a un monaco illuminato.

Ma in Italia, come si sviluppa il metodo francese? Nel 1783 un altro sacerdote, l’italiano Tommaso Silvestri, va a Parigi per apprendere il famoso metodo.

È lui che fonda a Roma la prima scuola per persone sorde italiana.

 

webdesigner
webdesignerhttps://www.sordionline.com/
Nato in provincia di Latina, classe 1959, fondatore del sito dal 2002 e sono molto orgoglioso di essere “sordomuto” e non sordo, l’ho realizzato in proprio fino ad oggi ed in forma del tutto volontaria
Annuncio pubblicitario
Smartphone Samsung

Articoli recenti

Recent Comments

Associazione Nazionale Sordi Onlus on Ens, l’unico ente per la tutela delle persone sorde
Luca Iacovino on Sordi contro Sordi