Dad per quasi tutti gli studenti da lunedì

0
15 Numero visite

6 milioni di studenti potrebbero ritrovarsi con la didattica a distanza da lunedì prossimo, in pratica nove alunni su dieci.

Le uniche Regioni con la scuola in presenza resterebbero Sicilia e Valle d’Aosta, e naturalmente la Sardegna, le altre, ricadendo nella zona rossa, dovrebbero chiudere le scuole e dunque fare lezione a distanza, con le procedure online.

Anche i Comuni dichiarati rossi, a prescindere dal colore della regione, dovranno chiudere le scuole.

Tuttavia gli studenti con disabilità o con bisogni educativi speciali potranno continuare le lezioni in presenza.

Per quanto riguarda le università sono le singole università a decidere quali attività formative indispensabili possono essere mantenute in presenza, nel rispetto del protocolli e sentito il Consiglio universitario regionale. E lo stesso vale per esami e sessioni di laurea, di cui va garantito svolgimento e modalità pubblica.

Contestualmente, anche nelle regioni dove fino ad oggi le scuole sono state in presenza, come il Lazio, alcuni presidi avrebbero avvertito i genitori  di far portare a casa, a scopo precauzionale, tutto il materiale didattico per avere a disposizione il materiale necessario nel caso in cui non fosse più possibile mantenere la frequenza in presenza.

Intanto, fanno sapere le agenzie, sono partiti tre ricorsi in Emilia-Romagna al Tar da parte di gruppi di genitori di Bologna, Ravenna e Rimini,  contro le ordinanze regionali che hanno disposto la chiusura delle scuole ad esclusione di quelle dell’infanzia.

Singolare è quanto verrebbe dichiarato dai legali che stanno supportando le famiglie: la Regione in materia scolastica, così come previsto dalla Costituzione, non ha competenze a legiferare. “Il nostro obiettivo è anche quello di impugnare a breve il Dpcm Draghi presso il Tar del Lazio per garantire ai ragazzi un ritorno sui banchi di scuola”.

 

Newsletter