C’è bisogno di aiuto: appello della scuola delle suore francescane

0
35 Numero visite

C’è bisogno di aiuto“; inizia così l’appello di una delle scuole paritarie più antiche di Forlì: quella delle Suore Francescane, che è attiva in città – in pieno centro storico – da 135 anni.

L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ha assestato un duro colpo a questa realtà ed è aumentato il numero delle famiglie che non riesce o che non riuscirà a pagare la retta scolastica.

In base a questa situazione è stato deciso, da parte di tutta l’equipe educativa, del personale e dell’associazione dei genitori e degli amici della scuola, di lanciare una richiesta di sostegno a tutta la città di Forlì e non solo.

Questa scuola paritaria nell’immediato futuro si troverà in serie difficoltà economiche – viene evidenziato nell’appello – per le ingenti spese necessarie a tutelare la salute di tutti, per l’assunzione di altro personale, per la riorganizzazione degli spazi tenendo conto della nuova normativa. Per la prima volta nella nostra storia, dobbiamo manifestare chiaramente una richiesta a tutte le realtà, associazioni, privati cittadini per chiedere un aiuto economico concreto che ci consenta di non mettere la parola fine a questa lunga storia e al servizio pubblico offerto alla città di Forlì“.

La scuola, gestita dalle Suore Francescane coadiuvate dall’Associazione dei genitori “Il Cantico”, si trova in via Achille Cantoni, nel centro di Forlì ed opera da 135 anni con una storia molto interessante essendo nata come giardino d’infanzia frobeliano. Nel corso del tempo ha poi accolto i rifugiati di guerra, ha ospitato le ragazze non udenti e il convitto per studentesse. In particolare l’istituto ha educato migliaia di forlivesi: bambini che diventati genitori sono tornati con i loro figli e, diventati nonni, con i nipoti, creando così una trama di relazioni solide, sincere che valicano le mura e i limiti del tempo.

La nostra scuola – continua l’appello – oggi conta la presenza 110 bambini dai 2 ai 6 anni, anche di diverso credo religioso, accoglie famiglie in difficoltà, sostenendole nel pagamento delle rette e offrendo supporto a genitori con figli diversamente abili, garantendo a tutti un ambiente sano, accogliente e con una proposta educativa che affonda le radici nella tradizione francescana e nel rispetto di tutte le diversità. È un tessuto sociale composto da decine e decine di giovani famiglie (più di 200 adulti), per lo più residenti nel centro storico di Forlì o che mantengono vivo il centro storico con le loro attività lavorative. Attualmente operano nella scuola 15 dipendenti: 10 insegnanti di cui due di sostegno, due cuoche, un manutentore, una ausiliaria e 5 suore che offrono il loro servizio gratuitamente. È un’oasi educativa dove si cresce seguendo il carisma francescano, con un occhio attento al meglio della proposta pedagogica attuale. Quest’anno ad esempio i bambini hanno fatto un bellissimo percorso storico della nostra città, dai tempi di San Mercuriale sino a quelli più recenti; hanno visitato la piazza, alcune chiese, i monumenti e i luoghi storici, la cattedrale, il museo, la caserma, la biblioteca e hanno percorso le strade del centro guardando le caratteristiche architettoniche, hanno incontrato personaggi, artigiani, artisti, hanno visitato il Municipio e conosciuto l’attuale sindaco. Scoprendo le loro radici, stanno imparando ad amare la loro città e sentirsene “custodi”, perché i bambini di oggi che dovranno essere i bravi cittadini di domani, dovranno essere capaci di costruire una collettività caratterizzata da forti valori spirituali, morali e culturali“.

Qualsiasi erogazione liberale potrà essere versata sul conto corrente presso Bcc Credito Cooperativo, Corso della Repubblica, 6 Forlì intestato all’Associazione “Il Cantico” Iban: IT 63N0854213200060000271295. L’erogazione da effettuarsi mediante strumenti tracciabili di pagamento è detraibile per il 30% per le persone fisiche o deducibile al 10% anche per le imprese, ai sensi dell’articolo 83 D. Lgs. N. 117/2017, in quanto associazione di Promozione Sociale iscritta nella Sez. di Registro locale/ Regione Emilia Romagna, Prov Forli Cesena”.

 

Newsletter