PUBBLICITA

Lo rileva un nuovo rapporto globale sull’equità sanitaria per le persone con disabilità dell’Oms. A causa delle disuguaglianze sanitarie sistemiche e persistenti, molte persone con disabilità corrono il rischio di morire molto prima, anche fino a 20 anni prima, rispetto alle persone senza disabilità.  Rischio fino al doppio di asma, depressione, diabete, obesità, malattie orali e ictus. E molte delle differenze negli esiti di salute non possono essere spiegate dalla condizione di salute sottostante o dalla menomazione, ma da fattori evitabili, iniqui e ingiusti. IL RAPPORTO

05 DIC – Un nuovo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità ha messo in evidenza le prove di un rischio più elevato di morte prematura e malattia tra molte persone con disabilità rispetto ad altre nella società.

PUBBLICITA

Il rapporto globale sull’equità sanitaria per le persone con disabilità mostra che, a causa delle disuguaglianze sanitarie sistemiche e persistenti, molte persone con disabilità corrono il rischio di morire molto prima, anche fino a 20 anni prima, rispetto alle persone senza disabilità.

Hanno un aumentato rischio di sviluppare condizioni croniche, con un rischio fino al doppio di asma, depressione, diabete, obesità, malattie orali e ictus. Molte delle differenze negli esiti di salute non possono essere spiegate dalla condizione di salute sottostante o dalla menomazione, ma da fattori evitabili, iniqui e ingiusti.

Lanciato in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, il rapporto mostra che il numero di persone con disabilità significative in tutto il mondo è salito a 1,3 miliardi (ovvero 1 persona su 6).

Il rapporto sottolinea la necessità di un’azione urgente per affrontare le vaste disuguaglianze nella salute causate da elementi e fattori di ingiustizia all’interno dei sistemi sanitari.

Questi fattori, che spiegano molte delle differenze nei risultati di salute tra persone con e senza disabilità, potrebbero assumere la forma di:

· atteggiamenti negativi degli operatori sanitari,

· informazioni sulla salute in formati che non possono essere compresi, o

· difficoltà di accesso a un centro sanitario a causa dell’ambiente fisico, della mancanza di trasporti o di barriere finanziarie.

“I sistemi sanitari dovrebbero alleviare le sfide che le persone con disabilità devono affrontare, non aggiungerle”, ha affermato il direttore generale dell’OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che “il rapporto fa luce sulle disuguaglianze che le persone con disabilità affrontano nel tentativo di accedere alle cure di cui hanno bisogno. L’Oms si impegna a sostenere i paesi con la guida e gli strumenti di cui hanno bisogno per garantire a tutte le persone con disabilità l’accesso a servizi sanitari di qualità”.

Con circa l’80% delle persone con disabilità che vivono in paesi a basso e medio reddito dove i servizi sanitari sono limitati, affrontare le disuguaglianze sanitarie potrebbe essere difficile. Tuttavia, anche con risorse limitate, si può ottenere molto, sottolinea l’Oms.

Riconoscendo che tutti hanno lo stesso diritto al più alto standard di salute raggiungibile, il rapporto fornisce un’importante analisi economica sull’adozione di un approccio che includa la disabilità. Mostra che investire in un settore sanitario che includa la disabilità è conveniente.

L’OMS calcola che i governi potrebbero aspettarsi un ritorno di circa 10 dollari Usa per ogni dollaro investito nella prevenzione e nella cura delle malattie non trasmissibili che includono la disabilità. Inoltre, la pianificazione familiare e la vaccinazione sono economicamente vantaggiose se attuate in modo che includa la disabilità.

Azioni mirate e complete in tutto il settore sanitario

Il rapporto delinea 40 azioni in tutto il settore sanitario che i governi devono intraprendere, attingendo alle prove più recenti dagli studi accademici e dalle consultazioni con i paesi e la società civile, comprese le organizzazioni che rappresentano le persone con disabilità.

Queste azioni variano in base al livello delle risorse e spaziano dall’affrontare le infrastrutture fisiche alla formazione degli operatori sanitari e assistenziali.

Garantire l’equità sanitaria per le persone con disabilità avrà anche vantaggi più ampi e può far avanzare le priorità sanitarie globali in 3 modi:

· l’equità sanitaria per tutti è fondamentale per raggiungere la copertura sanitaria universale;

· interventi di sanità pubblica inclusivi amministrati equamente in diversi settori possono contribuire a popolazioni più sane; e

· promuovere l’equità sanitaria per le persone con disabilità è una componente centrale in tutti gli sforzi per proteggere tutti nelle emergenze sanitarie.

“Affrontare le disuguaglianze sanitarie per le persone con disabilità avvantaggia tutti”, ha affermato il dott. Bente Mikkelsen, direttore dell’OMS per le malattie non trasmissibili, aggiungendo che “le persone anziane, le persone con malattie non trasmissibili, i migranti e i rifugiati, o altre popolazioni spesso non raggiunte, possono beneficiare di approcci che mirano alle sfide persistenti per l’inclusione della disabilità nel settore

spacer Il rapporto

Notizia