Mercoledì 18 maggio è stato istituito, all’interno della Congrega della Carità Apostolica, il Fondo a favore delle persone sorde della provincia di Brescia.

L’iniziativa nasce dall’unione di forze e di intenti tra la Fondazione Pio Istituto Pavoni e il più antico sodalizio caritativo bresciano, con l’obiettivo, rinnovando e rafforzando la collaborazione già sperimentata in passato, di promuovere sensibilità e attenzione in relazione alle problematiche delle persone sorde e dei loro familiari.

di Chiara Daffini

Dotazione. La dotazione iniziale è pari 100mila euro, messi a disposizione in egual quota dai due enti fondatori. Il fondo potrà essere aumentato con donazioni, liberalità, disposizioni testamentarie e nelle altre modalità previste dalla legge per conseguire i fini per i quali è stato costituito. I mezzi disponibili, compresi quelli che potranno essere raccolti anche a seguito di specifiche iniziative promosse dal fondo, saranno utilizzati a favore delle persone sorde nella provincia di Brescia in condizioni di bisogno e con interventi preferibilmente diretti al sostegno del singolo e del suo nucleo familiare per progetti educativi e di inclusione scolastica; formazione professionale e percorsi di inserimento lavorativo; necessità di ordine sanitario; situazioni di disagio economico e sociale; assistenza e supporto a sordi ricoverati presso case di riposo senza rapporti parentali e/o amicali. Interventi che possono essere estesi, caso per caso e per decisione unanime della Commissione, anche a persone non residenti della provincia di Brescia.

Erogazione. L’erogazione delle risorse, l’individuazione dei progetti, l’elaborazione di linee guida per gli interventi, l’esame e l’approvazione dei documenti contabili sono affidati a una Commissione di gestione che, oltre ai rappresentanti delle due realtà promotrici, è stata allargata alla congregazione dei Figli di Maria Immacolata (“Pavoniani”) e all’Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi. L’intesa ha validità triennale, con tacito rinnovo. Il nuovo fondo nasce con preciso riferimento alla figura di Lodovico Pavoni (1784-1849), il sacerdote bresciano, proclamato santo nel 2016 che si prese cura dei ragazzi più poveri e in particolare dei sordomuti con la formazione professionale, arrivando a raccoglierli dalla strada e insegnando loro un lavoro attraverso la prima scuola grafica d’Italia, sorta nel 1821, e successivamente con altre scuole professionali e con quella di agraria a Rodengo Saiano.

La Fondazione Pio Istituto Pavoni, invece, è un ente di diritto civile, risultante dalla trasformazione avvenuta nel 1874 della scuola per sordomuti fondata dai Pavoniani.

 

Notizie nella posta

Riceverai nella tua posta tutti gli aggiornamenti sul mondo
di SO Iscriviti gratuitamente ⤹