Poste: negli uffici postali sportelli dedicati ai non udenti

0
59 Numero visite

Uno sportello che offre servizi nella lingua dei segni alle persone con ridotte capacità uditive.

È il Progetto LIS avviato da Poste Italiane in alcuni uffici postali sul territorio nazionale. Personale in grado di esprimersi nella lingua italiana dei segni assiste il cliente sia per le normali attività di sportello, indicato da segnaletica e cartello specifico, quali il pagamento bollettini e l’invio di corrispondenza e pacchi, sia per le attività di consulenza. La sperimentazione è in corso sugli uffici postali di Genova Centro, Vicenza 9, Palermo Ausonia, Roma 70, Campobasso.

“Poste Italiane – si legge in una nota – considera l’inclusione uno dei pilastri del piano strategico, con l’obiettivo di eliminare le barriere architettoniche”. Un’ulteriore iniziativa realizzata nel percorso di sensibilizzazione alla cultura dei non udenti e alla LIS è il progetto Laboratori Musicali Inclusivi.

Il percorso ha previsto la creazione di un coro costituito dai dipendenti del Gruppo Poste Italiane, sordi e udenti, in cui ciascun partecipante “ha cantato” utilizzando il mezzo espressivo che riesce meglio a controllare: chi può ha usato la voce, gli altri si sono espressi, grazie alla LIS, muovendo le mani e indossando guanti bianchi.

Da settembre 2020 inoltre, per agevolare tutti i dipendenti con difficoltà uditive, le iniziative formative prevedono i sottotitoli e dispense scaricabili.

Per maggiori informazioni:
In collaborazione con Postenews

 

Newsletter