Travolta e uccisa da un’auto mentre attraversa

0
725 Numero visite
Pubblicità

bresciastradalenero

Pubblicità

Travolta da un’automobile mentre stava attraversando la strada. Fiorangela Squassina, 69enne residente a Cellatica, è sopravvissuta poche ore alle ferite riportate nell’investimento avvenuto all’alba di ieri.

di Alessandro Maffessoli

Ricoverata all’ospedale Civile, nonostante il prodigarsi dei medici rianimatori del Pronto soccorso, il cuore della pensionata si fermato per sempre poco prima delle 11. L’incidente era avvenuto alle 6,30 in via Caporalino a poca distanza dall’abitazione che la 69enne divideva con il fratello Roberto. Si allunga dunque la striscia di tragedie dell’asfalto in un autunno «nero».

FIORANGELA SQUASSINA è quinta vittima in nove giorni sulle strade bresciane. Il bilancio sale addirittura a sette se si contano il pilota di Rovereto deceduto per i postumi di una rovinosa caduta sulla pista del circuito di Franciacorta di Castrezzato e il tecnico dell’Enel di Mezzane di Calvisano deceduto l’altro pomeriggio in un incidente nel Mantovano. La disgrazia di ieri è banale della sua drammaticità. Erano da poco passate le 6,30 quando la 69enne è uscita dalla sua abitazione di via Aldo Moro per raggiungere la chiesa e assistere alla prima messa. Dopo aver percorso quattrocento metri, all’altezza della stazione di servizio Eni posta proprio a metà della strada che unisce Cellatica a Gussago, l’anziana ha cercato di attraversare via Caporalino, un’arteria solitamente molto trafficata anche se a quell’ora la circolazione era molto scarsa. A metà della carreggiata, Fiorangela Squassina è stata travolta da una Subaru Legacy guidata da un 50enne residente in città, proveniente da Brescia e che viaggiava in direzione Gussago.

Per effetto dell’impatto la pensionata è stata scaraventata sull’asfalto dopo un volo di una decina di metri. Il conducente della Subaru ha immediatamente fatto scattare i soccorsi telefonando al 112, il numero unico dell’emergenza. A Cellatica sono confluite nel giro di pochi minuti due autoambulanze: il personale sanitario si è immediatamente reso conto che le condizioni della ferita erano disperate. Trasferita al Civile, la 69enne ha cessato di vivere dopo una breve agonia.

La ricostruzione dell’incidente è al vaglio dei carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Gardone Valtrompia. Dai primi accertamenti sembrerebbe che la vittima stesse attraversando in prossimità o addirittura sulle strisce pedonali. Il conducente dell’autovettura, comprensibilmente sotto shock ha spiegato ai carabinieri che la pensionata si sarebbe materializzata dal nulla e non avrebbe fatto in tempo ad evitarla. Non può essere escluso a priori che nella tragedia possa aver giocato un ruolo determinante la disabilità di Fiorangela Squassina sordomuta dalla nascita.

IL 50ENNE È STATO accompagnato alla vicina Clinica Sant’Anna per essere sottoposto all’alcol e narco test: una procedura standard in questi casi. Il conducente è risultato negativo a tutti gli esami: al momento dell’incidente era insomma alla guida in perfetto stato psicofisico.

La tragedia ha profondamente commosso la comunità di Cellatica: Fiorengela Squassina era benvoluta da tutti per il suo carattere semplice e la sua dolcezza.

Oltre al fratello Roberto, lascia le sorelle Adriane e Pierina e gli adorati nipoti Luisa, Alberto, Damiano e Paola. Stamattina la salma tornerà nell’abitazione di via Aldo Moro dove sarà allestita la camera ardente. I funerali di Fiorangela Squassina saranno celebrati domani alle 14,45 nella chiesa parrocchiale di San Giorgio a Cellatica.

Alessandro Maffessoli
Pubblicità