Scompaiono i numeri di emergenza 113, 115 e 118, sostituiti dal Numero Unico Europeo (NUE)

0
24 Numero visite

Dal primo dicembre scompaiono i numeri di emergenza 113, 115 e 118, sostituiti dal Numero Unico Europeo (NUE) che è il 112.

Il Numero Unico di Emergenza viene attivato in ottemperanza alla decisione del Consiglio delle Comunità Europee 91/396/CE del 29 luglio 1991 e alla direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio del 7 marzo 2002, 2002/22/CE. L’ordinamento italiano ha recepito tale disciplina attraverso il D.lgs. del primo agosto 2003, n. 259 e i successivi Decreti del Ministero delle Comunicazioni del 22 gennaio 2008, del Ministero dello Sviluppo Economico del 12 novembre 2009 e la L. del 7 agosto 2015, n. 124.

Il NUE 112 è già attivo dal 2010 in otto regioni: Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giuli e parte del Lazio e della Sicilia.

Come funziona il NUE 112

Vediamo quindi come funziona il NUE 112. In caso di emergenza, dunque, bisognerà comporre il numero 112 e la telefonata sarà presa in carico dalla Centrale Unica di Risposta (CUR112).

L’operatore visualizzerà il numero del chiamante oltre al punto dal quale è partita la chiamata, sia che questa provenga da un cellulare sia che sia partita da un telefono fisso. Il recapito di chi chiama sarà visibile all’operatore anche in caso si utilizzi il servizio di “ID Privato”.

In caso di incidente stradale

Inoltre con il NUE 112 è possibile tramite l’e-call richiedere soccorso in caso di incidente attraverso la chiamata di emergenza automatica che parte da veicoli omologati a partire da aprile 2018.

Il servizio è offerto in diverse lingue, ed ha funzioni adattate all’utente ipovedente e non udente. È già disponibile un’applicazione di emergenza che permette di effettuare volontariamente una chiamata muta. E con appositi tasti consente di segnalare il tipo di soccorso richiesto.

Il compito dell’operatore del CUR 112 sarà quello di smistare immediatamente la richiesta di intervento alle centrali operative di competenza. E quindi di eliminare le “false chiamate” che purtroppo non sono poche.

Il primo dicembre scompaiono i numeri di emergenza 113, 115 e 118, sostituiti dal Numero Unico Europeo (NUE) in Toscana, nelle Marche e in Umbria. Il progetto via via coinvolgerà tutto lo Stivale. Nell’attesa che la copertura nazionale entri a regime l’Arma dei Carabinieri garantisce lo smistamento di tutte le richieste di aiuto.

 

Newsletter