Non mostrano i documenti alla polizia, 4 studenti universitari rischiano la denuncia

0
237 Numero visite

Intervento di una volante in via Cavour all’istituto dei sordomuti occupato, dove erano stati segnalati rumori molesti. Alcuni universitari avrebbero fatto resistenza all’identificazione, una condotta punita dal codice penale

Si sarebbero opposti ai controlli della polizia non mostrando agli agenti i propri documenti di riconoscimento. Per questo motivo la posizione di quattro studenti universitari è al vaglio delle forze dell’ordine. I fatti risalgono alle 12 di ieri mattina, quando una volante della polizia si è recata in via Cavour nello studentato autogestito “Malarazza”, nell’Istituto dei sordomuti, dove erano stati segnalati rumori molesti. Siamo a due passi dalla Prefettura.

Dalla questura spiegano: “Sono arrivate diverse segnalazioni al 113 in merito a dei rumori molesti provenienti dall’istituto dei sordomuti. Si è trattato di un normale controllo del territorio. Ma quattro di questi studenti che erano là hanno opposto resistenza e hanno rifiutato di mostrare i loro documenti. La loro posizione sarà valutata nelle prossime ore, ma come lo sarebbe quella di qualsiasi altro cittadino che rifiuta di mostrare i i propri documenti di riconoscimento alla polizia”. Probabilmente per loro scatterà una denuncia. Il reato che potrebbe essere contestato è “rifiuto di declinare le proprie generalità”. “Non è vero – aggiungono dalla questura – che gli studenti sono stati aggrediti. Nulla di tutto questo”. Gli universitari sono stati fermati e poi rilasciati.

Il riferimento della polizia è al comunicato diffuso nelle ore successive dal collettivo universitario autonomo (Cua) che ha parlato di “grave atto provocatorio e autoritario” e di “abuso delle forze dell’ordine”. La versione del Cua è infatti diversa da quella fornita dalla polizia. “Ieri – dicono – gli agenti hanno messo in atto una grave provocazione ai danni di giovani studenti universitari. Quattro di loro sono stati forzatamente condotti in caserma e denunciati per vari reati. L’ennesimo abuso delle forze dell’ordine che si sono presentati allo studentato autogestito Malarazza facendo irruzione con la forza. Di fronte al diniego dei presenti di prestarsi ad una simile intimidazione, per nulla giustificata e senza motivo alcuno, gli stessi decidono di fermare i quattro universitari e condurli in commissariato. Adesso dovranno rispondere di accuse ancora più gravi se commisurate alla matrice del problema”. Gli studenti infine accusano “le forze dell’ordine di atteggiamento sempre più autoritario e provocatorio”.

http://www.palermotoday.it

Newsletter