Docenti di sostegno: oggi in 6 casi su 10 sono non specializzati. Dieci anni fa era il contrario, 6 su 10 specializzati

Per rispondere alla forte domanda di inclusione scolastica, sono aumentati gli insegnanti di sostegno. In dieci anni il loro peso sul totale del corpo insegnante è passato dal 13% al 21,5%: oggi sono dunque più di un quinto del totale. Lo chiarisce il dossier della Fondazione Agnelli appena reso pubblico

0
5 Numero visite
PUBBLICITA

di Carla Virzi

PUBBLICITA

In altre parole i docenti di sostegno avrebbero contribuito in maniera sostanziale ad alzare la quota degli insegnanti saliti in cattedra nelle scuole italiane, un numero complessivamente costantemente in crescita. Il corpo insegnante è cioè in aumento, ma sensibilmente cambiato nella sua composizione interna. Infatti nonostante le grandi immissioni in ruolo della Buona Scuola che avevano portato a 730mila il numero degli insegnanti assunti a tempo indeterminato, oggi gli insegnanti di ruolo sono poco meno di 700mila, principalmente per via dei pensionamenti; sono invece più che raddoppiati i docenti a tempo determinato, cioè i supplentil’anno scorso 225mila, incluso il sostegno, rispetto ai 100mila subito dopo la Buona Scuola.

Ma lo stesso dossier pone l’accento su una criticità ben nota: la stragrande maggioranza degli insegnanti di sostegno oggi non è in possesso della specializzazione. Per essere più chiari, dieci anni fa per il sostegno venivano impiegati nel 40% dei casi supplenti non specializzati e nel restante 60% dei casi insegnanti di ruolo con specializzazione sul sostegno. Oggi le percentuali sono invertite: in 6 casi su 10 ad affiancare un alunno con disabilità è un insegnante senza preparazione specifica

Fondazione-Agnelli-Risorse-per-la-scuola-Dossier-210922-1Download

 

Notizia