L’EDP di Avellino, organizza il I incontro gratuito per interpreti LIS

0
784 Numero visite
Pubblicità

L’incontro gratuito si terrà il giorno 29 Giugno 2017 alle ore 18:00  presso la sede in Largo Salvatore Scoca 2 ad Avellino (altezza via Roma 34) per presentare il nuovo percorso formativo e didattico. Per maggiori info clicca qui

Il corso per Assistente alla Comunicazione prevede un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato come previsto dalla legge quadro 104/92 a favore dell’inclusione sociale, scolastica e professionale dei sordi. In particolare si tratta di una figura professionale capace di utilizzare le tecniche e le metodologie più adeguate per costruire un ponte comunicativo tra l’alunno sordo e il suo interlocutore udente (insegnante curricolare, insegnante di sostegno, genitori udenti e compagni di classe) in ambiente sia scolastico sia domiciliare.

Pubblicità

Un percorso volto all’acquisizione di nuove metodologie e competenze professionali: allo scopo di far apprendere le tecniche di traduzione ed interpretazione della Lingua Italiana a quella dei Segni e viceversa, affinare le capacità di espressione e comunicazione, sviluppare una spiccata sensibilità alle differenze culturali, acquisire e mettere in atto comportamenti etico – professionali nelle più diverse situazioni di lavoro.

Ma come è nata la Lis?

La tendenza a sviluppare una forma di comunicazione visivo-gestuale esiste da sempre nelle persone con disabilità uditiva e si è manifestata ovunque, fin dall’antichità, le tracce dell’uso di un linguaggio non verbale risalgono ai tempi di Platone e Aristotele. Tuttavia, le vere testimonianze di un sistema comunicativo basato sui segni si devono all’abate francese Charles Michel de l’Epée, che nel 1700 fondò il primo Istituto per sordi in Francia destinato a tutti. Questa forma di comunicazione arriva in Italia, nella prima metà dell’800 e  ne subisce l’influenza francese

Irpinia news e corriere delle notizie oggi

Notizia