Singapore. Giustiziato per impiccagione disabile mentale. Era stato arrestato con 43 g. di droga

0
125 Numero visite
PUBBLICITA

Nagaenthran Dharmalingam era nel braccio della morte da più di un decennio per aver portato con una piccola quantità di eroina, 43 g.

Secondo le leggi sulla droga di Singapore – che sono tra le più dure al mondo – chi viene sorpreso a trasportare più di 15 g di eroina è soggetto alla pena di morte.

PUBBLICITA

Durante il processo, il 34enne ha inizialmente affermato di essere stato costretto a portare la droga, ma in seguito ha affermato di aver commesso il reato perché aveva bisogno di soldi.

La corte ha detto che la sua difesa iniziale era “fabbricata”. Alla fine fu condannato a morte per impiccagione.

Nel 2015 ha fatto appello per la commutazione della sua condanna in ergastolo sulla base del fatto che soffriva di disabilità intellettiva.

I suoi avvocati hanno sostenuto che l’esecuzione di una persona malata di mente è vietata dal diritto internazionale dei diritti umani. Il suo caso è stato molto controverso poiché è stato valutato da un esperto medico per avere un QI di 69, un livello che indica una disabilità intellettiva. Ma un tribunale ha ritenuto che non fosse intellettualmente disabile. Anche una spinta alla clemenza presidenziale è stata respinta lo scorso anno.

“La Corte d’Appello ha ritenuto che si trattasse del lavoro di una mente criminale, che ha valutato i rischi e i benefici compensativi associati alla condotta criminale in questione”, ha affermato il Ministero degli Affari interni di Singapore in una precedente dichiarazione.

Martedì la corte aveva respinto l’ultimo appello di sua madre, aggiungendo che a Nagaenthran era stato concesso “un giusto processo in conformità con la legge”, aggiungendo che aveva “esaurito i suoi diritti di appello e quasi ogni altro ricorso previsto dalla legge”.

Alla fine dell’udienza di martedì, Nagaenthran e la sua famiglia si sono salutati attraverso la fessura in uno schermo di vetro per afferrarsi strettamente le mani mentre piangevano. Le sue grida di “mamma” potevano essere ascoltate in aula.

In migliaia avevano anche firmato una petizione, sostenendo che l’esecuzione di una persona malata di mente è vietata dal diritto internazionale dei diritti umani.

“Gli ultimi giorni di Nagen sono stati trascorsi, come gran parte dell’ultimo decennio, nel tortuoso isolamento dell’isolamento”, ha affermato Maya Foa, direttrice di Reprieve. “I nostri pensieri sono con la famiglia di Nagen, che non ha mai smesso di lottare per lui; il loro dolore è inimmaginabile”. L’attivista singaporiana contro la pena di morte Kirsten Han ha anche rilasciato una foto di Nagaenthran mercoledì, che lo ritrae con indosso il suo vestito preferito.

Il governo di Singapore ha affermato che il diritto internazionale non vieta la pena di morte e che non esiste un consenso internazionale sull’uso di essa.

Ha anche affermato che, secondo la legge di Singapore, non gli sarebbe stata inflitta la pena di morte se il tribunale lo avesse ritenuto malato di mente. 

 

Notizia