Singapore giustizia uno spacciatore disabile mentale

0
118 Numero visite
PUBBLICITA

“La Corte d’Appello di Singapore ha appena respinto il nostro ricorso, che ha considerato un manifesto abuso di processo per ritardare l’esecuzione. Nagaenthran, che è mentalmente handicappato, sarà probabilmente impiccato nei prossimi giorni. » Me Ravi, l’avvocato dell’imputato, specialista dei diritti umani che da mesi lavora sul caso, ha rilasciato questa dichiarazione martedì 29 marzo, precisando che non ci sarà più ricorso. Il destino del malese Nagaenthran K. Dharmalingam, 34 anni, accusato di traffico di droga, sembra segnato, in peggio.

PUBBLICITA

di Marco Bolare

Arrestato nel 2009, è nel braccio della morte da più di dieci anni

Il malese è stato arrestato nel 2009 all’età di 21 anni con 43 grammi di eroina legati alla coscia all’ingresso di Singapore, paese che ha le leggi sulla droga più severe del mondo. Immediatamente imprigionato, è stato condannato a morte nel 2010 e da allora si trova nel braccio della morte. Le procedure si sono moltiplicate per evitare un’esecuzione. Le ONG internazionali come Amnesty International o Human Rights Watch, le Nazioni Unite, il primo ministro malese e il miliardario Richard Branson hanno costantemente chiesto al governo di Singapore la clemenza e la fine delle esecuzioni. Senza successo. L’impiccagione di Nagaenthran sarebbe la prima esecuzione a Singapore dal 2019.

“È giunto il momento per Singapore di ripristinare una moratoria sulla pena di morte come primo passo verso l’abolizioneha affermato Rachel Chhoa-Howard, ricercatrice di Singapore presso Amnesty International. “È spaventoso che Singapore stia pianificando di riprendere a breve questa pratica crudele”, ha aggiunto riferendosi ai casi di Nagaenthran K. Dharmalingam e di un singaporiano anch’esso in attesa di una decisione del tribunale. Lo ha affermato l’Associazione britannica contro le pene di morte Reprieve “molto preoccupato” dalle decisioni dei tribunali di Singapore. “Nagaenthran dovrebbe sfuggire alla pena di morte a causa della sua disabilità mentale, ha assicurato il suo direttore Maya Foa. Non ha consapevolezza di cosa gli accadrà e come tale non dovrebbe essere giustiziato. »

“Giustiziarlo sarebbe come giustiziare un bambino”

Se l’immagine da cartolina di Singapore attira i turisti, il suo sistema politico autoritario non ama gli attivisti per i diritti umani, che vengono regolarmente arrestati e condannati al carcere. Il sistema giudiziario è duro anche con i trafficanti di droga. Sotto il “legge sulla droga”, chi traffica anche solo 15 grammi di eroina viene immediatamente condannato a morte. Tuttavia, questa legge è stata recentemente modificata per prendere in considerazione alcune patologie psichiche che evitano la pena di morte per un imputato.

Vedi anche:  Nucleare iraniano: Mikhail Oulianov, lo spettacolo russo al centro delle trattative

Gli avvocati si sono costantemente battuti per invocare le deficienze mentali del loro cliente. Uno psicologo ha quindi valutato il QI di Nagaenthran a 69 anni, che è riconosciuto a livello internazionale come disabilità intellettiva. Dopo più di dieci anni di carcere, le sue condizioni hanno continuato a peggiorare. “È disorientato e inconsapevole di ciò che gli sta accadendo, ha detto Surendran, un avvocato di famiglia malese che fa parte della ONG Lawyers for Freedom. Giustiziarlo equivarrebbe a giustiziare un bambino”. ha detto davanti alla Corte martedì 29 marzo a Singapore.

 

Notizia