Come la Svizzera rende difficile il voto alle persone con disabilità visiva

0
23 Numero visite
Partecipanti con cani guida alla "Giornata del bastone bianco bianca", sulla Piazza federale di Berna, 2016. Keystone / Peter Schneider
PUBBLICITA

La democrazia svizzera fatica ancora in materia d’inclusione dei gruppi emarginati.

Le persone con disabilità visiva sono autorizzate a votare, ma hanno bisogno di assistenza per farlo. Questo fa venir meno la segretezza del voto. Altri paesi hanno trovato soluzioni per ovviare al problema.

PUBBLICITA

di Jonas Glatthard

Regula Schütz siede di fronte al suo computer e legge il giornale. O meglio: ascolta il giornale e lo fa a un ritmo mozzafiato. “Per me è piuttosto lento”, sorride Schütz, che ha rallentato appositamente la velocità per il giornalista. Schütz è cieca. In questo momento sta ascoltando le informazioni relative al voto imminente. Può comodamente informarsi sulle votazioni, che si svolgono quattro volte all’anno, ma fatica a votare. Le schede in Svizzera non possono essere compilate autonomamente dai non vedenti. Ciò significa che la segretezza del voto non può essere garantita, sebbene la legge e la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, che la Svizzera ha firmato, lo richiedano esplicitamente. L’Unione centrale Svizzera per il bene dei ciechi (UCBC) stima che sono circa 250’000 le persone potenzialmente coinvolte.  Interrogata su questo, la Cancelleria federale sottolinea che la legge permette esplicitamente alle persone di chiedere aiuto a terzi se non sono in grado di esprimere il loro voto in autonomia.

Schütz trova discriminatorio il fatto che non possa votare autonomamente. Questo nonostante non abbia difficoltà a trovare nel suo ambiente persone che la aiutano e di cui si fida.

Non tutti hanno persone fidate. Gianfranco Giudice, anche lui cieco, dice: “È un grosso problema trovare una persona fidata per mettere la croce al posto giusto”, dice. “Mi è già successo di non riuscire a partecipare alle votazioni perché non ho trovato una persona che potesse aiutarmi”. Richiama inoltre l’attenzione su un altro punto: “Può anche succedere che la persona che assiste faccia degli errori formali che rendono il voto non valido. Non posso controllarlo”. Schütz condivide queste preoccupazioni: “Un errore può sempre accadere. Sono già seccata se qualcuno sbaglia a prendere il latte o il burro per me quando faccio la spesa. Nel voto, un tale errore è ancora più grave”.

Il problema non è solo della Svizzera

Ogni paese democratico deve chiedersi come rimuove le barriere che ostacolano la partecipazione politica alle persone con disabilità. Alcuni hanno già trovato delle soluzioni.

“In Svezia, le persone con problemi di vista possono votare per i partiti rispettando la segretezza del voto”, dice a SWI swissinfo.ch Henrik Götesson dell’Associazione svedese delle persone con disabilità visiva. “Si possono ordinare le schede elettorali in buste speciali in alfabeto braille”. Tuttavia, i ciechi non possono compiere tutte le scelte all’interno delle liste elettorali come tutti gli altri senza aiuto e votare per candidati specifici, per esempio. Per rendere questo possibile, Götesson sostiene l’uso di stencil posti sopra le schede elettorali che indichino dove devono essere messe le croci. Questi strumenti esistono da tempo in alcuni paesi, come la Germania, l’Austria, il Sudafrica e il Canada. La UCBC vorrebbe che la Svizzera adottasse questo sistema, almeno per le votazioni nazionali. L’organizzazione ha sviluppato un modello che le persone non vedenti o ipovedenti possono usare per votare senza assistenza. È in trattative con le autorità e i politici per una sua introduzione a livello nazionale.

Ecco come dovrebbe essere il bollettino di voto previsto dalla FSA. ZVG / SZB

Ma questo è complicato: “Lo svolgimento delle elezioni e delle votazioni è di competenza dei Cantoni. In alcuni casi, creano le proprie schede per le votazioni nazionali che si adattano alle loro procedure di conteggio”, informa la Cancelleria federale via e-mail. In altre parole, la Svizzera dovrebbe come prima cosa omologare le schede elettorali a livello nazionale. Il governo federale dovrebbe contare sulla cooperazione dei Cantoni.

Cosa pensano le persone coinvolte di questa soluzione? “Gli stencil mi aiutano nel caso delle iniziative. Le elezioni sono troppo complicate per questo”, dice Schütz. Nelle elezioni parlamentari in Svizzera, c’è molta libertà: gli elettori ed elettrici possono indicare liste di partito invariate, ma possono anche cambiare l’ordine, elencare i candidati due volte o cancellarli, o combinare candidati di diversi partiti in una lista.

“Come soluzione rapida, questo è meglio di niente. Ma non ho ancora il controllo sul fatto che io metta il giusto foglio di carta nello stencil e faccia correttamente la croce”, dice Giudice.

Appello per il voto elettronico

Per Giudice, il voto elettronico sarebbe la soluzione migliore: “Potrebbe essere aperto a tutti, anche alle persone senza disabilità. In questo modo non sarebbe una soluzione speciale per noi ciechi”. Anche Schütz non capisce perché questo non dovrebbe essere possibile.

“Il voto elettronico offrirebbe una soluzione generale, sia per il voto politico sia per le iniziative”, concorda Martin Abele della Federazione svizzera dei ciechi e degli ipovedenti (FSA). “A condizione che l’accessibilità sia garantita, il voto elettronico è la soluzione”.

Nel 2019, il Consiglio federale ha deciso che il voto elettronico non sarà introdotto per il momento come modalità di voto regolare per motivi di sicurezza. Giudice controbatte: “La gente parla sempre di sicurezza e protezione dei dati, ma questo è assurdo e contraddittorio. Perché con il voto postale, la sicurezza e la segretezza del voto non sono garantite per le persone con problemi di vista.

Altri sviluppi

Gli argomenti che hanno fermato il voto elettronico in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ago 2019La storia del voto elettronico in Svizzera è la storia di un sogno temerario conclusosi con uno schianto.

Finora, la maggior parte dei paesi è titubante per quanto riguarda il voto elettronico. “Per noi con problemi di vista, il voto elettronico sarebbe una buona soluzione, ma a causa dei problemi di sicurezza non è politicamente realistico”, dice Götesson a proposito della Svezia. “Purtroppo, non ho ancora trovato da nessuna parte un sistema di voto perfetto per le persone con problemi di vista”. Quantomeno la Cancelleria federale svizzera riconosce il problema: “Il voto elettronico aumenta l’autonomia delle persone non vedenti”, dichiara. Test del voto elettronico dovrebbero presto essere di nuovo possibili nei Cantoni.

È necessaria consapevolezza sociale

Il problema per le persone con disabilità va più in profondità: “Non mi sento rappresentato da nessuno in politica”, dice Giudice. “L’inclusione non manca solo in ambito elettorale. Le persone con disabilità sono sottorappresentate a livello di potere”, dice Chris Heer dell’organizzazione delle persone con disabilità Agile.ch. “Dovrebbe essere normale per le persone con disabilità sentirsi parte della comunità “.

Secondo Heer, la cosa riguarda un intero catalogo di misure che dovrebbero ancora essere attuate in Svizzera: i partiti dovrebbero prestare attenzione all’eliminazione delle barriere, attraverso siti web accessibili anche alle persone con problemi di vista, interpreti del linguaggio dei segni durante eventi per le persone con problemi di udito o rampe al posto delle scale per le persone che siedono su una sedia a rotelle.

Gli sforzi per permettere l’inclusione delle persone con disabilità sono spesso intesi come una sorta di assistenza sociale, dice Heer. Nel processo, ha detto, si perde ciò che è effettivamente in gioco: i diritti umani di stampo liberale.

 

PUBBLICITA
Notizia