Pubblicità

Il trentenne  campione di nuoto  alle Paralimpiadi del 2016, medaglia d’oro per le Filippine agli Asian Para Games nel 2018, ora  è a Tokyo (non è riuscito per un soffio a conquistare la finale).

Ma la sua prima vittoria è stata nel 1991, quando è sopravvissuto a un tentativo di aborto che lo ha lasciato senza gambe e con un braccio sinistro fortemente lesionato. Quando aveva solo 5 mesi suo padre lo abbandonò, e poi sua madre morì di colera.
I nonni lo lo hanno accolto. Crescere non è stato facile con un aspetto quasi ridicolo e ha dovuto sopportare bullismo e discriminazione. Poi un giorno un uomo d’affari lo ha notato e ha convinto suo nonno a mandarlo in un centro per giovani disabili a Davao City: aveva 9 anni.
Lì trovò una nuova famiglia: le Maryknoll Sisters of St. Dominic al Centro di Nostra Signora della Vittoria.
Fu allora che scoprì il suo amore per l’acqua.
Di nuovo, qualcuno lo notò. Un allenatore di nuoto, Jude Corpuz,  lo ha invitato a unirsi alla sua squadra di nuoto per persone con disabilità.
Nel 2008, Ernie ha partecipato alla sua prima gara di nuoto al Philippine Olympic Festival,  secondo quanto riportato da Manila Standard . Ma aveva dimenticato il costume da bagno! Ha supplicato di poter competere con i  pantaloni e – nonostante lo svantaggio –  è arrivato secondo. Il  vincitore, Arnel Aba, lo ha portato  a Manila per unirsi alla squadra nazionale.
In un filmato di cinque minuti uscito nel  2017 intitolato ” Gawilan “ , Ernie ha spiegato la sua passione per il nuoto e la sua dipendenza dall’amore e dal sostegno della sua famiglia e dei suoi allenatori per migliorarsi e per superare il bullismo.
«C’è uno scopo per noi in questo mondo», ha sottolineato. «Dobbiamo essere combattenti nella vita».
«Non mi importava di Dio all’inizio», ha detto. «L’ho incolpato del mio handicap, di come mi ha creato e della solitudine». Poi, attraverso il nuoto, lo ha incontrato. Ora prega il Rosario e ringrazia  Dio per la sua vita.
Fonte: Lifenews.com
Pubblicità