Israele, disabile palestinese ucciso per errore

0
94 Numero visite

Israele chiede scusa per la morte di Yihad Elkhalak, un palestinese di 32 anni autistico ucciso in Città Vecchia a Gerusalemme dalla polizia nel sospetto che portasse un’arma che invece non aveva.

PUBBLICITA

Una vicenda che ha alimentato la tensione crescente da parte palestinese per l’annunciata intenzione di Israele di estendere a luglio la propria sovranità, sulla scia del piano di pace di Trump, agli insediamenti ebraici in Cisgiordania e alla Valle del Giordano. E che è avvenuta a poche ore dalla riapertura della Spianata delle Moschee dopo due mesi di chiusura per il coronavirus.

“Siamo dispiaciuti per l’incidente in cui Elkhalak è stato ucciso e condividiamo il dolore della famiglia”, ha affermato oggi il ministro della Difesa (e futuro premier) Benny Gantz in apertura della consueta riunione domenicale di governo a Gerusalemme. “Sono sicuro – ha aggiunto – che l’indagine sull’accaduto si concluderà rapidamente e con risultati”.

Uno dei due agenti ritenuti responsabili dell’uccisione è agli arresti domiciliari, mentre l’altro, il suo diretto superiore, è stato rilasciato ma con limitazioni agli spostamenti. L’autopsia ha stabilito che contro Elkhalak – che si stava recando nella scuola per disabili frequentata in Città Vecchia ad un passo dalla Porta dei Leoni – sono stati sparati dagli agenti 7 colpi e che 2 di questi l’hanno raggiunto. Il portavoce della polizia ha spiegato che gli agenti hanno agito nel sospetto che l’uomo fosse armato e per questo gli hanno intimato di fermarsi. Ma Elkhalak, a quanto pare, non ha compreso l’ordine ed è fuggito impaurito: gli spari sono stati esplosi durante l’inseguimento.

 

Notizia