Ucraina. Vova ha 17 anni, non sa cosa è la guerra. 100mila bambini disabili non possono scappare

0
819 Numero visite
PUBBLICITA

AgenPress – Vova, soprannome di Volodymyr, ha 17 anni e ha la sindrome di Opitz-Kaveggia, una rara condizione genetica che causa gravi disabilità intellettive,  non sa che c’è una  guerra in corso  proprio fuori dalla sua finestra.

PUBBLICITA

Redazione AgenPress

Non capisce il significato delle sirene dell’incursione aerea. Non è a conoscenza della distruzione causata dalle  bombe russe sganciate su Kiev . Vuole solo costruire torri con i suoi blocchi giocattolo e premere i pulsanti sul telefono di sua madre per farle riprodurre canzoni e cartoni animati che gli piacciono.

Vova ha bisogno di cure 24 ore su 24 e di farmaci antiepilettici che è diventato impossibile da ottenere quando le truppe russe si avvicinano alla capitale ucraina , secondo sua madre, Natalia Komarenko.

“Non possiamo portarlo in treno, perché da un momento all’altro potrebbe avere un attacco e la sua temperatura potrebbe salire. Potrebbe non esprimere sempre il suo bisogno di andare in bagno, e non può essere lasciato incustodito nemmeno per un minuto “, ha detto Komarenko, aggiungendo che anche la guida è pericolosa, nel caso avesse un attacco.

Vova e la sua famiglia sono tra le migliaia di famiglie di Kiev che non possono lasciare la città a causa delle condizioni di salute che rendono il viaggio estremamente rischioso.

Komarenko dirige una fondazione di beneficenza chiamata  Z teplom u sertsi  (in ucraino “Con calore nel cuore”).  Il gruppo riunisce e crea reti di sostegno per  le famiglie di Kiev che vivono con disabilità. Solo da 20 a 50 delle 1.247 famiglie del gruppo – circa 260 persone in tutto – sono riuscite a fuggire dalla capitale, secondo Komarenko.

L’European Disability Forum, una ONG paneuropea, stima che ci siano 2,7 milioni di persone con disabilità in Ucraina. Secondo Inclusion Europe, un’altra ONG, ci sono circa 261.000 persone in Ucraina con disabilità intellettive che le rendono estremamente vulnerabili al conflitto.

Almeno 100.000 di loro, per lo più bambini, vivono in case di cura e istituzioni. Le loro possibilità di lasciare il paese sono scarse.

 

Notizia