Rachel doveva nascere cieca, sorda e ritardata

0
53 Numero visite
L’aborto eugenetico fa strage di creature innocenti perché ritenute non degni di vivere. A volte i difetti alla nascita sono del tutto risolvibili (come il piede torto o il labbro leporino).
E comunque mai niente e nessuno può pretendere di decidere quali siano i canoni che danno o negano il diritto di nascere: è la violazione più disumana del principio di uguaglianza e “inclusività” tanto caro (a parole) agli stessi abortisti.
Si potrebbe anche riflettere su quanti bambini sani vengono abortiti a causa di diagnosi errate.
Una testimonianza potente di questa tragedia nella tragedia è stata data dalla donna ritratta nella foto qui sopra.
Rachel Guy era stata diagnosticata un’anomalia cromosomica a 22 settimane di gravidanza e diversi medici hanno esortato sua madre ad abortirla: sarebbe stata cieca e sorda e con disabilità intellettive.
I suoi genitori hanno respinto l’idea di porre fine alla vita della figlia, ma hanno faticato a trovare medici disposti a sostenerli.
La bambina è nata prematura,  di poco più di 1 chilo, ha trascorso circa 5 mesi e mezzo in ospedale, ma le previsioni dei  medici non si sono mai avverate.
https://www.provitaefamiglia.it/
Newsletter