Non può parlare per tutta la vita, appena guarisce dice “Ti voglio bene” (I love you) a sua mamma

0
941 Numero visite

Tait Sherman è un bambino inglese di dieci anni che soffre di una malattia chiamata polimicrogiria perisilviana bilaterale, una rara condizione di malformazione della corteccia cerebrale che impedisce il corretto funzionamento della comunicazione nervosa tra il cervello e gli organi della fonazione.

Scritto da Arianna Galati

6389257fc0791d262d81dd6694298e9eIn sostanza, Tait sa perfettamente cosa vuole dire ma non riesce ad articolarlo: così ha passato i primi anni di vita in silenzio, lottando con l’aiuto di sua madre Reama per trovare la diagnosi alla sua impossibilità di parlare, arrivata quando aveva quattro anni e mezzo.

Avere una diagnosi ti permette di chiedere l’aiuto che ti serve,

commenta Reama nel raccontare la storia al Mirror. Ciò ha permesso a Tait di iscriversi in una scuola con un sostegno apposito per lui e limitare la frustrazione di non poter parlare e interagire con i compagni. Una scuola speciale dove gli insegnanti si occupano di far apprendere a studenti con problemi differenti come costruire frasi lunghe e “fissare” le parole necessarie ad articolarle.

I miglioramenti nella fonazione di Tait sono cominciati ad arrivare e il progresso è stato notevole, tanto che il bambino era in grado di chiedere qualcosa nei negozi o rispondere al telefono. Ma la sorpresa più grande per Reama è arrivata una sera dopo averlo messo a letto, quando suo figlio le ha dichiarato tutto il suo affetto.

È stato il momento più incredibile. Non essere in grado di comunicare con chi ami di più al mondo, e non essere in grado di dire quelle parole, è straziante. Avevamo sempre utilizzato il linguaggio dei segni per dirci ti voglio bene, ma un giorno, quando stavo mettendo Tait a letto, mi ha tirato a sé per farsi abbracciare e ha detto le parole “uv you”, voglio bene. È stato un momento che mi ha fermato il cuore.

Tre anni dopo quel momento intimo e toccante di dichiarazione d’affetto a sua madre, Tait Sherman è  in grado di farsi capire maggiormente dalle persone che lo circondano. È sempre sua madre a raccontarlo:

Sa costruire delle frasi e dirle. A volte alcune parole sono difficili da capire ma lui non si scompone, e le persone lo comprendono.

https://it.notizie.yahoo.com

Newsletter