Refrontolo, Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (Peba)

pubblicato un questionario per il parere dei cittadini

0
21 Numero visite

Il Comune di Refrontolo sta approntando il Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (Peba), con l’obiettivo di rendere gli edifici pubblici e i percorsi stradali direttamente fruibili e accessibili a tutte le persone, come mamme con i passeggini, bambini, anziani, persone con disabilità o temporaneamente poco abili.

Come hanno fatto sapere direttamente dal Comune, è stata completata la fase di analisi per la redazione del piano e, ora, l’amministrazione ha la necessità di sentire il parere dei cittadini, di raccogliere le segnalazioni da parte della popolazione per tradurle in “concrete proposte operative” e stabilire quelli che saranno gli interventi prioritari.

Una fase, quindi, considerata dal Comune fondamentale per “evidenziare le maggiori criticità del territorio in termini di accessibilità e fruibilità”.

A tal proposito, il Comune ha predisposto un questionario pubblico, per coinvolgere i cittadini in un vero e proprio “tavolo civico partecipativo”: il questionario dovrà essere compilato e inviato entro il prossimo 15 aprile, agli indirizzi segreteria@comunedirefrontolo.it o lavoripubblici@comunedipievedisoligo.it.

Il questionario, come le istruzioni per compilarlo e l’avviso relativo all’iniziativa, è pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Refrontolo.

Il documento analizza e chiede un parere ai cittadini in merito a diverse tematiche come gli stalli riservati a persone con disabilità nei parcheggi pubblici, la presenza o meno di barriere architettoniche lungo i percorsi pedonali del paese o negli edifici pubblici comunali.

Viene chiesto di segnalare la necessità di segnali tattilo-plantari o di semafori acustici nei percorsi e itinerari stradali, la dotazione di facilitatori per persone non udenti o servizi di traduzione dei segni.

In aggiunta a tutto ciò, vengono richieste altre indicazioni o suggerimenti non contenuti nei questionari.

(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

 

Newsletter