Lamezia, Rotary Club presenta app “No Barriere” per una città più accessibile e senza ostacoli

0
24 Numero visite

Lamezia Terme – Il Rotary Club sogna una “Lamezia senza barriere” architettoniche e presenta, nelle sale dell’associazione Lucky Friends, il progetto di una app per mappare le zone  della città che avrebbero bisogno di interventi strutturali per permettere la mobilità a tutti i cittadini, anche a quelli diversamente abili.

L’applicazione “No Barriere”, di proprietà della associazione Luca Coscioni che in partnership con il Rotary Club ne avrebbe già reso l’utilizzo gratuito, è scaricabile su smartphone e permetterebbe a tutti i cittadini di segnalare con foto, descrizioni e geolocalizzazione gli edifici pubblici e privati di tutto il territorio che non posseggono le caratteristiche adeguate per un’accessibilità senza barriere.

Tante le associazioni che hanno immediatamente accolto con entusiasmo l’idea e supportato il progetto, patrocinato dal comune di Lamezia Terme: Agesci, Lions, Soroptimist, Lucky friends, Unitalsi, Progetto Sud, Ens (Ente Nazionale Sordi), Unione italiana ciechi ed ipovedenti.

“Sono contenta che siano state tante le associazioni che hanno sposato questo progetto, – ha detto Natalia Maiello, presidente del Rotary Club Lamezia, –  ma deve essere impegno di tutti operare per apportare delle migliorie nella comunità in cui si vive. Bisogna riconoscere e garantire i diritti a tutte le persone, in particolare a quelle in difficoltà che hanno diritto ad una vita autonoma ed autogestita. Iniziamo tutti assieme questo percorso di civiltà, affinché libertà e dignità, non siano solo bei principi e belle parole.”

Ha poi spiegato che la messa in funzione dell’app è solo un primo step del progetto. I dati raccolti attraverso le segnalazioni saranno poi verificati per restituire al comune un quadro completo della situazione andando ad agevolare così l’amministrazione che avrebbe dovuto già essere dotata dei cosiddetti P.E.B.A. ovvero dei Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (strumenti in grado di monitorare, progettare e pianificare interventi finalizzati al raggiungimento di una soglia ottimale di fruibilità degli edifici per tutti i cittadini). L’obiettivo finale, però consisterà nella realizzazione degli effettivi interventi strutturali. A questo punto la palla dovrà passare all’amministrazione comunale la quale dovrà farsi carico di reperire fondi regionali e comunitari per le opere di adeguamento.

“State offrendo su un piatto d’argento all’amministrazione ciò che l’amministrazione è obbligata a fare – ha detto il sindaco Paolo Mascaro riferendosi ai P.E.B.A. di cui ancora Lamezia non è dotata – Purtroppo gli uffici comunali sono in questo momento paralizzati per mancanza di personale, in quattro o cinque mesi ci auspichiamo di avere il personale idoneo per far ripartire la macchina comunale – ha aggiunto; ha poi accennato al progetto già finanziato per l’ammodernamento della stazione di Lamezia Terme Centrale che si trova tutt’ora in condizioni non idonee, l’accesso ai binari è infatti privo di qualsiasi rampa o ascensore – I lavori inizieranno al più tardi per maggio/giugno. – ha rassicurato. Ha infine accolto di buon grado la proposta di inserire la app sul sito istituzionale del comune, come è già successo con per i comuni di Catanzaro e Reggio Calabria, a simboleggiare l’impegno preso da parte dell’amministrazione.

A ricordarci che le disabilità non sono solamente motorie, come spesso si è facilitati a pensare, è stato Francesco Scalise vicepresidente Ens sezione provinciale di Catanzaro, che esprimendosi nella lingua dei segni, ha spiegato quanto per lui sia importante invece abbattere le barriere comunicative proponendo lo sviluppo di una app che traduca la lingua dei segni. E così via anche per l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti sarebbe auspicabile avere per la città delle colonnine con informazioni scritte in Braille o con supporti esplicativi audio.

Presenti all’evento Cristiano Matarazzo presidente Rotaract Lamezia Terme, Anna Moricca presidente Lions Club Lamezia Terme, Anna Caterina Egeo presidente Lions Club Lamezia Valle del Savuto, Concetta Giglio presidente Soroptimist Lamezia Terme, Rosario Cortese presidente Lucky Friends, Carlo Mercurio presidente Unitalsi Lamezia Terme, Gisella Ferraro responsabile di zona Agesci Reventino, Giuseppe Mazzei presidente Rotary Club Catanzaro, Giuseppe Trieste presidente Fiaba (Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche), Don Giacomo Panizza della Comunità Progetto Sud, Gianluigi Melina responsabile settore accessibilità UICI di Catanzaro.

L’evento è stato moderato dalla giornalista Luigina Pileggi.

Dora Coscarelli