Svizzera, fuori gli anziani dalle terapie intensive se mancano i posti

0
24 Numero visite
epa08337465 A sign reads 'Entrance COVID Area' in the emergency unit COVID-19 room of the hospital 'HFR Riaz,' during the state of emergency of the coronavirus disease (COVID-19) outbreak, in Riaz, Switzerland, 01 April 2020. Countries around the world are taking increased measures to stem the widespread of the SARS-CoV-2 coronavirus, which causes the COVID-19 disease. EPA/ANTHONY ANEX

Linee guida pubblicate il 20 marzo ma mai applicate finora

Con un’impennata di contagi da Covid-19 in Svizzera, dove ieri sono stati segnalati 6.592 nuovi casi, si torna a parlare del protocollo medico per affrontare un eventuale sovraffollamento delle terapie intensive. Le norme prevedono che in caso di scarsitĂ  di posti il medico può decidere di non accogliere “persone che hanno un’etĂ  superiori agli 85 anni” e persone con un’etĂ  superiore ai 75 anni che presentino una di queste patologie: ” cirrosi epatica”, insufficienza renale cronica stadio III, insufficienza cardiaca di classe NYHA superiore a 1 e sopravvivenza stimata a meno di 24 mesi”.
Intitolato ‘Pandemia Covid-19: triage dei trattamenti di medicina intensiva in caso di scarsitĂ  di risorse’ il protocollo di otto pagine è stato pubblicato dall’Accademia svizzera delle scienze il 20 marzo scorso ma, come ricorda oggi La Stampa, di fatto non è mai stato applicato.
“A causa della rapiditĂ  di diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2) si è venuta a creare una situazione straordinaria che determinerĂ  un massiccio afflusso di pazienti negli ospedali per malattie acute”, si legge nell’introduzione delle linee guida che sottolineano: “Se le risorse a disposizione non sono sufficienti, occorre prendere decisioni di razionamento”.
Quindi, a pagina 5, la parte intitolata ‘Triage iniziale: criteri per il ricovero nei reparti di terapia intensiva’ ovvero l’elenco dei criteri in base ai quali il medico dovrĂ  prendere la difficile decisione su chi ricoverare in caso non ci siano abbastanza posti in terapia intensiva.

 

Newsletter