Travelosophy: una proposta “Diversamente africana”

0
1.110 Numero visite

“Diversamente Africa” è la proposta diTravelosophy to di Torino dedicata ai viaggi e safari in Africa pensati e costruiti per una clientela con disabilità motorie e sensoriali. Le destinazioni nelle quali Diversamente Africa garantisce l’accessibilità si concentrano in Africa australe, più precisamente in Sudafrica, Namibia, Botswana e Zambia.

Lorenzo Rettore e Lisa Cerutti
Lorenzo Rettore e Lisa Cerutti

«I viaggi che proponiamo hanno la possibilità di essere vissuti anche da persone con disabilità ed esigenze speciali – commenta il titolare, Lorenzo Rettore -. In questa casistica rientrano disabilità legate a problemi fisici, che incidono sulla mobilità, persone che hanno problemi a livello sensoriale, come non vedenti o ipovedenti e non udenti, ma anche persone in ossigenoterapia o dialisi. Le strutture usate e i veicoli sono studiati per garantire comfort e sicurezza, le fondamenta su cui si basa il prodotto di Diversamente Africa». Naturalmente le proposte di viaggio sono per tutti, quindi dirette sia al cliente disabile che normodotato. «Prevediamo assistenza in Sudafrica a persone che necessitano di dialisi – prosegue Rettore – o di ossigenoterapia in tutta l’Africa australe.

Per i non udenti sono a disposizione guide qualificate che comunicano con linguaggio dei segni internazionale». 

Relativamente alle strutture ricettive, sono state studiate delle speciali tende mobili strutturate in modo tale da garantire il massimo comfort e rispondere a esigenze di libertà e sicurezza. Le tende dispongono tutte di un ampio accesso per favorire l’ingresso con la sedia a rotelle e all’interno sono molto spaziose per permettere e facilitare gli spostamenti. «Anche i veicoli sono confortevoli e sicuri, dispongono di un elevatore elettrico che permette anche a chi viaggia su sedia a rotelle di poter salire e scendere dai mezzi in autonomia – conclude Lisa Cerutti – e abbiamo comunque la possibilità di far viaggiare anche più persone con disabilità nello stesso gruppo».

http://www.travelquotidiano.com

 

Notizie via email