I prototipi Google Glass Explorer avvistati in Italia

0
1.027 Numero visite

Non si tratta affatto di un debutto ufficiale, ma di un’apparizione. In effetti Google non ha autorizzato la vendita: i Glass Explorer sono acquistabili ufficialmente solo in USA e UK. I Google Glass Explorer – che, ricordiamo, sono un prototipo – sono comparsi in vendita in Italia: prima in esposizione da MediaWorld, quindi a scaffale da Saturn all’esorbitante prezzo di 1999,99 euro. Ben oltre gli Stati Uniti, dove i Google Glass versione sviluppatori costano 1500 dollari. I Google Glass Explorer sono in vetrina nei negozi Saturn di Milano, Firenze e Roma. Ma Google non ha autorizzato la vendita né efinito il prezzo per il mercato italiano.

Intanto il prossimo 30 luglio la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari sfrutterà i Google Glass per sperimentare un’opera interattiva. Il sistema sviluppato per i Google Glass da Tsc Lab, partner delMediaLab dello stesso Teatro, permette di vedere l’opera dal punto di vista di chi la canta o di chi la segue da dietro le quinte. Il sovrintendente del Teatro, Mauro Meli, ha affidato l’allestimento all’artista contemporaneo Pinuccio Sciola, un appassionato di social media e ora smart glass.

Nei mesi scorsi i medici dell’ospedale Humanitas di Rozzano hanno testato i Google Glass in sala operatoria. Grazie alla partnership con Vidiemme e Rokivo, i medici dell’ospedale di Rozzano hanno sperimentato gli smart glass di Google come strumento di formazione durante un corso di Emodinamica e Cardiologia interventista. I comandi vocali (“Ok Glass, take a picture”) possono essere utilizzati per scattare foto. Rokivo e Vidiemme hanno già testato al Museo Egizio di Torinol’applicazione GoogleGlass4Lis, per offrire una guida virtuale ai non udenti nel Linguaggio dei Segni (Lis); e hanno creato GoogleGlass4Museums, sull’uso dei GoogleGlass a supporto dell’arte.

I Google Glass costituiscono uno dei dispositivi di punta della Wearable technology, la tecnologia da indossare. Dotati di display laterale, fotocamera ed audio per i comandi vocali, i Google Glass si utilizzano coi comandi vocali: è sufficiente pronunciare l’espressione “Ok Glass” seguito dall’input(“Take a picture” o “Record a video”, per esempio), per ordinare agli smart glass lo scatto di una foto, la registrazione di un video, l’invio di email, la ricerca di informazione sul Web. Il tutto avviene tramite connessione wireless con lo smartphone dell’utente.

google-glass_smartglass

Attualmente meno dell’1% delle imprese USA ha implementato gli smart glass, sebbene Gartnerpreveda un incremento fino al 10% nel prossimo quinquennioJuniper Research prevede oltre 10 milioni di Google Glass venduti entro il 2018. Secondo Gartner, i Google Glass sono destinati a migliorare la produttività, perché avere i dati sempre a disposizione genera più efficienza e velocizza il processo decisionale, portando rapidità a braccetto di efficienza.

L’italiana Luxottica, proprietaria dei marchi di occhiali Ray-Ban e Oakley, ha firmato un accordo con Google per portare i Google Glass nel mainstream.

http://www.itespresso.it/

Newsletter