Banda larga, in Europa è più lenta di quanto promesso

0
974 Numero visite

BRUXELLES – La velocità reale di connessione a internet tramite banda larga in Ue è sino al 40% inferiore a quella per cui i consumatori hanno sottoscritto l’abbonamento. È quanto emerge da uno studio della Commissione Ue, secondo cui risulta che gli utenti ricevono, in media, soltanto il 74% della velocità pubblicizzata dal servizio per cui hanno pagato (Adsl, cavo e fibra).

internet--330x185In Italia, dove i dati sono disponibili solo per la tecnologia adsl, risulta che appena il 60,4% degli utenti-campione usufruisca della velocità di connessione per cui paga. In questo ambito, l’Italia è anche il paese in cui la performance peggiora di più durante le ore di punta, perdendo dallo 0,81% all’1,76%. Dallo studio, condotto nel 2012, risulta che in generale nell’Ue la velocità di trasmissione dati via cavo è la più affidabile: in media, i servizi adsl forniscono solo il 63,3% della velocità di trasmissione pubblicizzata, contro il 91,4% della connessione via cavo e l’84,4% delle reti in fibra.

«Si tratta del primo caso in cui la differenza fra la velocità pubblicizzata e quella reale della banda larga viene confermata attraverso dati affidabili e comparabili», ha sottolineato la commissaria Ue all’agenda digitale Neelie Kroes, ricordando che «questa tipologia di dati serve ai consumatori perché possano fare delle scelte consapevoli ed è per questo che l’esercizio verrà ripetuto». Il monitoraggio di Bruxelles continuerà anche quest’anno e il prossimo, sino al 2014, e i cittadini interessati a partecipare possono farlo rivolgendosi al sito www.samknows.eu

(Ansa)

http://www.lastampa.it

 

Newsletter