San Francesco Saverio (1506-1552) è ricordato dalla Chiesa cattolica il 3 dicembre

0
40 Numero visite

Sacerdote della Compagnia di Gesù, fu tra i primi compagni di sant’Ignazio

Spinto dall’ardente desiderio di diffondere il Vangelo, annunciò con impegno Cristo a innumerevoli popolazioni in India, nelle isole Molucche e in altre ancora, in Giappone convertì poi molti alla fede. Morì in Cina nell’isola di Sancian, stremato dalla malattia e dalle fatiche, il 3 dicembre 1552.

Fu sepolto nella chiesa dei Gesuiti di Goa, ma il suo braccio destro fu inviato a Roma, dove si conserva, dal 1614, in un reliquiario della Chiesa del Gesù, chiesa madre dei Gesuiti.

Fu canonizzato insieme a Ignazio di Loyola da Papa Gregorio XV, il 12 marzo1622.

Alla sua figura si richiama la congregazione dei Fratelli di San Francesco Saverio (Fratelli Saveriani).

Il 4 giugno 1923 un bambino sordomuto, assai noto nel suo paese di San Cesareo, fu condotto a Lecce dalla madre. Questa, davanti alla reliquia di San Francesco Saverio con fervore chiese la grazia per suo figlio. Sospese le preghiere, la mamma si recò in sacrestia, ritornando, poi subito presso il bambino, che le andò incontro chiamandola per nome. Egli continuò poi a parlare.

P. Vincenzo Di Blasio

 

Newsletter