Beata Vergine Maria di San Luca

0
704 Numero visite
PUBBLICITA

PUBBLICITA

La venerazione verso la Madonna di San Luca, con il culto del vescovo S. Petronio, è una caratteristica della città e diocesi di Bologna. Questo vincolo di grazia e benedizione, ebbe inizio nel 1194 con la fondazione della chiesa sul Monte della Guardia.

 

Dal 1476 la Vergine scende ogni anno in città il giovedì antecedente l’Ascensione. Maria sembra ripetere ai Bolognesi le parole pronunciate a Cana: “Fate quello che Egli vi dirà” (cfr. Gv 2,5). La Madonna di San Luca, incoronata nel 1603, ricevette un prezioso regale diadema per le mani di Pio IX il 10 giugno 1857.

Riguardo alla Madonna di San Luca ci sono almeno quattro cose da ricordare:
– quando Pio IX nel 1857 visitò Bologna, andò a far visita anche ai sordi dell’Istituto Gualandi;
– il santuario della Ma

donna di San Luca ha diversi affreschi opera delle maestranze e degli allievi sordi del Gualandi; – la bella fioriera che adorna il quadro della Madonna è stata confezionata dalle anziane sorde dell’Istituto Gualandi; – quando la Madonna di San Luca, il giorno dell’Ascensione, viene riportata con una solenne processione al suo santuario passa per via Nosadella, dove davanti all’Istituto Gualandi per Sordomuti la salutano festosamente numerosi ex alunni con i sacerdoti e le suore della Piccola Missione per i Sordi. Maggiori notizie al riguardo sono date dal notiziario del santuario (Madonna di San Luca n. 58 dell’ottobre 2012, pp28-29) nell’articolo La Madonna di San Luca e i Sordomuti.

P. Vincenzo Di Blasio

Notizia