Pubblicità

Venerdì sera, alle ore 21, nella pista polivalente di Case Bruciate ennesimo appuntamento del progetto europeo Rugbull “Lo sport come vitamina contro il bullismo”.

Pubblicità

Questa volta, a raccontare le loro esperienze al pubblico presente, saranno due atleti paralimpici: Anna Maria Mencoboni, campionessa di atletica leggera, e Peter Pozzoli, bandiera della Nazionale di basket sordi. Presentano le nostre collaboratrici Elisabetta Ferri e Beatrice Terenzi, autrici del libro “Non siamo normali” che raccoglie nove storie di atleti diversamente abili della nostra provincia fra i quali i due ospiti di serata del bel percorso partito il 14 giugno e condotto da Angelo Spagnuolo, in collaborazione con il Comune e Formiche Rugby, nell’ambito di “Pesaro, i tuoi spazi, tra borghi e quartieri” che si concluderà il 18 settembre.

“Intendiamo portare l’attenzione sul fenomeno del bullismo in tutte le sue declinazioni – spiega Angelo Spagnuolo – con particolare attenzione a quella sportiva fornendo, al contempo, concrete applicazioni ed esperienze di vita mediante le quali poter porre un argine a questo importante fenomeno”.

Chicca Mencoboni, che deve fare i conti con una malattia degenerativa della vista, e Peter Pozzoli, sordo dalla nascita, sono esempi di come si può reagire alle avversità della vita: riveleranno anche come hanno vinto la loro battaglia contro i bulli.

 

Notizia