Non vedente e sordo, il genovese Mennella farà una maratona a nuoto per sostenere la ricerca

0
32 Numero visite

Al suo fianco ci sarà Marcella Zaccariello, nuotatrice master.

L’obiettivo è raccogliere fondi per l’associazione RarePartners, che sostiene lo studio delle malattie rare

Roma – Una quasi maratona a nuoto di 36 km in sei tappe, legati l’uno all’altra, coscia a coscia, da una corda lunga solo 50 centimetri e da una fiducia totale: è la nuova impresa, umana e sportiva, che intraprenderanno Alessandro Mennella, genovese di 38 anni, ipovedente e sordo profondo dalla nascita a causa della sindrome di Usher, e Marcella Zaccariello, nuotatrice master e tra i fondatori di RarePartners, società milanese non-profit che supporta lo sviluppo di nuove terapie e strumenti diagnostici nel settore delle malattie rare.

La coppia aveva già fatto parlare di sé nel settembre del 2019, quando partecipò con successo alla terza tappa dell’Italian Open Water Tour sfidando le agitate acque liguri con una traversata di sette chilometri. Ora, dopo il lungo stop causato dalla pandemia, ha annunciato di voler affrontare l’intero circuito nazionale in collaborazione con Italian Open Water Tour. Sei tappe di 5-7 km ciascuna, dalla Sicilia alla Lombardia, dalla Campania al Veneto fino alla Liguria. La prima gara è prevista il 5/6 giugno nel suggestivo scenario delle acque di Vulcano, alle Eolie. Quindi il lago di Monate (20 giugno) e il Lago Maggiore a Maccagno (11 luglio). Il programma proseguirà in settembre nelle acque liguri di Noli (12) e nel Lago di Garda a Peschiera del Garda (26) per concludersi nel mare di Ischia il 9 o 10 ottobre.

“L’emergenza sanitaria ci ha imposto una forte decelerazione. Con questo progetto vogliamo guardare al futuro con fiducia e coraggio. Una sfida, sportiva e solidale, che quest’anno affronteremo insieme alle aziende”, dice all’ANSA Marcella Zaccariello, che gestisce la comunicazione e il fundraising della non-profit. “Abbiamo appena aperto la pagina di raccolta fondi #MiFidoDiTe – la nuova sfida rivolta ai singoli donatori sulla piattaforma di buonacausa.org”, prosegue. Ha già dato la sua adesione la PQE Group, che sarà Main Partner per tutto il circuito e coinvolgerà direttamente i suoi dipendenti (uno o più di loro parteciperanno alle nuotate).

L’obiettivo è coinvolgere due aziende per singola tappa e un’azienda del settore del nuoto in acque libere che accompagni la coppia per tutta la ‘maratona’. “Quest’anno vorremmo utilizzare la muta di Alessandro per apporre tutte le firme dei donatori con l’obiettivo di riempire, durante il circuito, l’intera sua superficie”, spiega Marcella. In questo modo si spera di raccogliere fondi per RarePartners, che combina donazioni e grant europei e regionali per sostenere lo studio delle malattie rare.

I tre principali progetti in corso riguardano la sindrome di Usher (patologia con 2.000-3.000 malati in Italia e di cui Alessandro è testimonial), la fibrosi cistica (collaborazione con Neupharma per lo sviluppo di una forma inalatoria di teicoplanina) e la beta-talassemia (studio clinico all’Ospedale di Ferrara sull’uso di sirolimus).

 

Newsletter