Setteville, sguardo al sociale: una giornata per i sordi

0
133 Numero visite

Non soltanto per distinguersi in campo, ma anche per rendersi utili verso gli altri. Il Setteville si pone come modello per il suo territorio ed oltre all’aspetto calcistico vuole sensibilizzare la società. L’occasione sarà il prossimo 8 giugno (la conferma definitiva arriverà il 20 maggio ndr), quando nell’impianto di via Carunchio verrà ospitata una giornata dedicata alla comunità sorda

Come? Semplice, attraverso il gioco del calcio. Ad ideare il tutto è stato Luca Vulpiani, figlio del direttore tecnico Fabio Vulpiani ed ex giocatore del San Lorenzo Nuovo. Cresciuto nella Tor Tre Teste ha anche vinto uno scudetto Juniores col club di via Candiani. Insomma, uno che col calcio ci sa fare. Da qualche tempo però, ha scoperto un nuovo modo per poter giocare e rendersi utile, anche grazie alla sua ragazza, Daniela. Luca ha incontrato la Sordi Guidonia, squadra che gioca a calcio a 5 nel campionato CSI. “Ho interrotto la mia esperienza da calciatore col Sant’Angelo per alcune divergenze e a mercato chiuso ho trovato spazio in questa società. Un’esperienza nuova che mi ha aperto gli occhi su un mondo che on conoscevo e a che ha voglia di farsi notare, di non rimanere indietro. Tra l’altro in campo le cose stanno anche andando bene visto che siamo in semifinale per il titolo regionale. In questo Daniela è stata importantissima. Lei studia LIS (Lingua Italiana Segni) ed è stata lei il motore dell’iniziativa, sia personale che poi col Setteville. La società, con il presidente Olivieri in testa e poi anche con il dt Carletti e mio padre, si è dimostrata subito disponibile verso questa iniziativa. L’idea è quella di vivere una giornata di calcio (probabilmente calcio a 8) sia con delle squadre “over” che con i più piccoli. Al momento abbiamo l’iscrizione sicura di quattro formazioni, vogliamo provare ad aumentarle. Un incontro per sensibilizzare tutta la zona di Guidonia e dintorni sul tema, per scoprire un mondo che va oltre il rimborso, ma che in campo porta un valore molto importante: quello dell’integrazione”.

https://www.gazzettaregionale.it/

Newsletter