Reichelt e Stuhec vincitori della Gardenissima

0
1.002 Numero visite

Sabato 6 Aprile 2013 alle ore 08.00 ha preso il via in Val Gardena la 17/a edizione della Sudtirol Gardenissima, lo slalom gigante più lungo e originale del mondo, con un tracciato di gara lungo 6.2km, attrezzato con 115 porte e un dislivello di ben 1.033 metri.

img_gt12020
Foto: www.valgardena.it

A seguito delle abbondati nevicate delle scorse settimane e una notte non troppo fredda, le condizioni della pista erano buone per i primi e i numeri alti hanno dovuto combattere contro una neve difficile. Il grande lavoro del direttore di gara, Giovanni Kasslatter, assieme ai suoi collaboratori, e dei tracciatori Karl Mussner e Raimund Plancker, ha dato vita a una gara emozionante e spettacolare dal primo all’ultimo concorrente.

Le iscrizioni alla 17/a Gardenissima erano state chiuse già a metà febbraio per il raggiungimento del limite massimo di partecipanti. Un pieno successo a prova che la Gardenissima è divenuta un appuntamento fisso a chiusura di stagione per i molti appassionati dello sci.
Come sempre la gara ha previsto la partenza in coppia sul percorso che, per i 500 metri iniziali è stato predisposto come slalom parallelo, per trasformarsi, nei pressi della Baita Daniel, in un unico percorso di slalom gigante. Lungo il tracciato erano stati posizionati ben 115 porte.
A inizio gara sono scesi gli 8 apripista, fra cui autorità e sportivi locali nonchè il campione della bici Claudio Chiappucci.

In seguito si è dato il via alla gara: suddivisi in 39 categorie, fra i primi a scendere la squadra dei “Deaflympics” (audiolesi), seguita dagli ex-atleti di Coppa del Mondo categoria “old stars”, tra cui Isolde Kostner e Peter Runggaldier (ITA).
Subito dopo era la volta dei forti atleti del circo bianco: Jessica Depauli (AUT), Ilka Stuhec (SLO), Lisa Pfeifer (ITA), Maria Belen Simari-Birkner (ARG), Janina Schenk (ITA), Michaela Rainer (AUT), Christina Ager (AUT), Marusa Ferk (SLO), Macarena Simari-Birkner (ARG), Verena Stuffer (ITA) e Elisabeth Egger (ITA) per la categoria femminile ; Hannes Reichelt (AUT), Andrea Ballerin (ITA), Alex Zingerle (ITA), Michael Gufler (ITA), Federico Vanz (ITA), Jonas Senoner (ITA), Miha Kuerner (SLO), Cristian Javier Simari-Birkner (ARG), Riccardo Tonetti (ITA), Daniel Hemetsberger (AUT), Alexander Rabanser (ITA), Giuliano Razzoli (ITA) e Sigmar Klotz (ITA) per la categoria maschile.

I 5000 euro del primo premio sono andati agli stessi atleti della passata edizione: l’austriaco Hannes Reichelt (4’06.19) e alla slovena Ilka Stuhec (4’16.49). Secondo nella categoria maschile, a 1″76 si è piazzato Siegmar Klotz davanti a Michael Gufler. Seconda nella categoria femminile, a 7″66 si è classificata la forte atleta di casa Verena Stuffer, seguita dalla austriaca Jessica Depauli.
Anche nelle categorie “Old Stars” hanno vinto gli atleti della scorsa edizione, i campioni di casa Isolde Kostner (4’40.58) e Lucas Senoner (4’14.61).
Anche quest’anno il trofeo “Red Bull – una gara nella gara”, è consistito nel misurare la velocità di ogni singolo atleta in un determinato tratto di gara lungo un chilometro. I più veloci sono stati Jessica Depauli (AUT) con
64.98 km/h e Michael Gufler (ITA) con 66.86 km/h.
Un premio speciale anche i partecipanti più anziani: Ludovica Pineider (1938) e Sepp Webhofer (1935).
I primi classificati nelle 39 categorie si sono portati a casa bellissimi premi, consistenti in buoni acquisto presso il negozio Sport Demetz Maciaconi, cestini con prodotti dell’Alto Adige e della Ditta Gramm, articoli sportivi delle ditte Luis Trenker e Socrep così come buoni soggiorno vacanza in Val Gardena.
Oltre ai vincitori delle singoli categorie, sono state premiate varie squadre come gli sci club, i G.S. militari, i team aziendali e i fan club.

http://www.fantaski.it/

Newsletter