Torino. Prima “Corriamo con Marco Frattini” col botto

0
868 Numero visite

SUL PERCORSO DELLA STRAPOMODORO

Corriamo con Marco Frattini

Cambiano (To). Domenica mattina 17 giugno a Cambiano, in occasione de “La grande festa dello sport”, è andata di scena la prima “Corriamo con Marco Frattini”. L’allenamento collettivo che ha visto la partecipazione di quasi cinquanta appassionati di corsa di ogni livello, si è mosso per tre volte lungo il veloce tracciato della “STRAPOMODORO”, corsa non competitiva di 5 km che si svolgerà giovedì 7 settembre alle ore 19.15. Alle prime due frazioni, che sono state sostenute con andature tranquille di gruppo, è seguita l’ultima dedicata a chi avesse voluto misurarsi con ritmi più sostenuti

La bella giornata di sole e l’ottima organizzazione hanno permesso di correre in totale spensieratezza nonostante il gran caldo. “Una piacevole iniziativa che abbiamo creato in occasione della nostra tre giorni dedicata allo sport locale e che è stata di certo un valore aggiunto”, ha affermato Stefano Marocco, assessore allo sport del comune di Cambiano. “Non mi aspettavo una partecipazione così sentita, è stato davvero emozionante trovare così tante persone alla partenza. C’erano podisti di ogni livello tanto che sull’ultimo giro sono riusciti a tirarmi il collo e ho fatto davvero fatica a stare in scia”. Conferma Frattini che dal primo di luglio riprenderà ad allenarsi in funzione dei Deflympics games del 2013, manifestazione mondiale che dopo rocambolesche vicissitudini derivanti dalla crisi economica globale, approderanno in Bulgaria, a Sofia, dal 25 luglio al 2 di agosto.

Frattini deve riuscire a strappare il pass per poter essere sicuro di partecipare nonostante abbia confermato sempre il suo predominio Italiano nell’ambito atletico per la federazione F.S.S.I. dal 2008.

“Se porto a casa un 2.35 in maratona mi confermano la partecipazione ai giochi“, esclama ironicamente. “Buttare giù tredici minuti dal mio personale sarà un’impresa mirabolante se non fantascientifica. Non ho nulla da perdere, ci proviamo, qualcosa mi inventerò. Gli africani la fanno da padrone anche in questo ambito e per me è un occasione unica. Sinceramente mi preoccupa più qualche sosta forzata per fare pipì o per qualche mal di pancia che possa arrivare imperterrito. A quel punto sarebbero davvero dolori!”

Video:
http://www.youtube.com/watch?v=0qheFY15DIY


Ufficio stampa
Frattateam

Newsletter