Samuel Marchese vede il traguardo. Destinazione Expo

0
1.002 Numero visite

di

Il viaggio di Samuel Marchese sulla sua handbike è in dirittura d’arrivo. Lo attendiamo in Expo per venerdì 14 agosto alle 10:30, insieme a Martino Florio: saranno loro a tagliare il traguardo a Cascina Triulza, a nome di tutto il gruppo partito da Siracusa il 15 luglio e che lungo il percorso si è ridimensionato per via del clima torrido e della grande fatica. Il nostro applauso sarà quindi anche per Luigi Palì, disabile in handbike, e per Gianni Canzolle, non vedente che viaggiava in tandem con la moglie Patrizia Magliocco.

11664796_10207084875745542_1691080776_o-500x333

Abbiamo seguito il viaggio di Samuel dall’inizio, ascoltato quotidianamente il racconto dell’impegno, dell’energia e della stanchezza, ma soprattutto dell’entusiasmo e della voglia di andare fino in fondo.  E della grande soddisfazione per gli incontri con un mondo di solidarietà: altri atleti, come a Perugia e a Chiavari, le molte persone che nelle varie città li hanno sostenuti, i rappresentanti delle Istituzioni ai quali soprattutto Samuel ha voluto portare il suo messaggio. Fino al Papa, l’incontro più emozionante

Ecco come Samuel racconta il senso del suo viaggio.

“Questa impresa nasce dalla nostra grande passione per lo sport e per la vita. Stiamo facendo questa traversata dalla Sicilia fino all’Expo di Milano proprio per dimostrare a tutti che la disabilità non esiste, perché non ostante le nostre difficoltà riusciamo a raggiungere i nostri obiettivi. Il nostro gruppo si chiama Freedom Angels perché ci sentiamo liberi di affrontare qualunque sfida,  la forza che ci consente di superare gli ostacoli non è quella fisica ma quella della volontà e della caparbietà. Quello che voglio dire a chi ha la perfezione nel fisico ma non riesce a mettersi in gioco nella vita è: se io posso farcela, qual è la tua scusa per non farlo?”.

Samuel e Martino arriveranno in Expo a Cascina Triulza, il Padiglione della Società Civile, partendo da Piazza del Duomo a Milano. Seguirà poi un evento dedicato anche a Casa Corriere.

Sarà l’ultima delle 15 tappe di un viaggio eccezionale che ha coinvolto anche la famiglia di Samuel: papà Giacomo, mamma Giuseppina, i fratelli, la nonna e naturalmente Freedom, il cane di Samuel e la mascotte del gruppo.

Facciamo il nostro tifo più caloroso per questo ultimo miglio. Tutta la passione che Samuel sta dimostrando ci rende ancora più convinti che come società civile dobbiamo continuare a lavorare, anche in questa straordinaria occasione di Expo, con tutte le nostre energie per provare a cambiare il mondo davvero

http://buonenotizie.corriere.it

 

 

Newsletter