Triennale Milano. Apertura speciale per la Festa del 2 Giugno

0
938 Numero visite

Anche in occasione della Festa della Repubblica, il 2 Giugno, La Triennale di Milano sarĂ  aperta con le mostre, il Design Museum, i Ristoranti e il Bookstore dalle 10.00 alle 23.00. Con il biglietto unico è possibile visitare tutte le mostre al costo di 12 Euro. Con il biglietto EXPO Milano 2015 l’ingresso è gratuito per tutte le mostre.

milanoexpoPer visitare in modo nuovo e coinvolgente la mostra “Arts & Foods. Rituali dal 1851” e l’ottava edizione del Triennale Design Museum “Cucine & Ultracorpi” La Triennale mette a disposizione dei visitatori Triennale Plus, la nuova guida su iPad progettata per essere accessibile anche a non udenti e ipovedenti.

Grazie alla tecnologia iBeacon Triennale Plus riconosce la posizione del visitatore e gli mostra informazioni e approfondimenti al momento giusto direttamente sullo schermo del tablet. Audio, video, testi e immagini in alta definizione per un’esperienza di visita più ricca e coinvolgente. Triennale Plus è disponibile anche gratuitamente in versione ridotta su App Store e Google Play Store. Triennale Plus è disponibile al noleggio direttamente in Triennale a 3 euro.

Mostre in Corso

Arts & Foods.

Rituali dal 1851

A cura di Germano Celant

9 Aprile – 1 Novembre 2015

Padiglione di Expo Milano 2015 alla Triennale di Milano

Progetto di allestimento: Studio Italo Rota

Progetto grafico: Irma Boom Office

Catalogo: Electa

La multiforme relazione fra le arti e il cibo viene ripercorsa e analizzata nel Padiglione Arts & Foods l’unica Area tematica di Expo Milano 2015 realizzata in città ospitata al Palazzo della Triennale dal 9 Aprile fino al 1 Novembre 2015.

Allestita negli spazi interni ed esterni della Triennale – 7.000 metri quadrati circa tra edificio e giardino – Arts & Foods mette a fuoco la pluralità di linguaggi visuali e plastici, oggettuali e ambientali che dal 1851, anno della prima Expo a Londra, fino ad oggi hanno ruotato intorno al cibo, alla nutrizione e al convivio. Una panoramica mondiale sugli intrecci estetici e progettuali che hanno riguardato i riti del nutrirsi e una mostra internazionale che fa ricorso a differenti media così da offrire un attraversamento temporale, dallo storico al contemporaneo, di tutti i livelli di espressività, creatività e comunicazione espressi in tutte le aree culturali.

Triennale Design Museum

Ottava edizione

Cucine & Ultracorpi

A cura di Germano Celant

9 Aprile 2015 – 21 Febbraio 2016

Direzione: Silvana Annicchiarico

Progetto di allestimento: Italo Rota

Progetto grafico: Irma Boom

Catalogo: Electa

L’ottava edizione del Triennale Design Museum propone “Cucine & Ultracorpi”, a cura di Germano Celant. Questa edizione s’ispira sin dal titolo al libro di fantascienza L’invasione degli Ultracorpi, scritto da Jack Finney nel 1955 e all’omonimo film tratto dal romanzo e girato da Don Siegel, che si sono imposti come opere di rottura e cambiamento nell’immaginario collettivo. Nella narrazione gli alieni da “invasori” divengono “cospiratori” capaci di confondersi e insinuarsi tra gli abitanti della terra: entrano nel quotidiano degli esseri umani, attuando una rivoluzione interna e perciò endemica della società, invasa da forze aliene che si mescolano agli umani e ne assumono la forma per prendere il sopravvento.

Analogamente, “Cucine & Ultracorpi” vuole raccontare la lenta quanto inesorabile trasformazione degli utensili da cucina in macchine e automi. Un’armata “di invasori” che, dalla metà del XIX secolo con l’avvento dell’industrializzazione, è dilagata arrivando a sostituire molte pratiche umane del cucinare.

L’intento è di tracciare l’evoluzione in Italia dei “cospiratori”, cucine ed elettrodomestici, dalla prima emergenza documentabile fino al 2015.


Books&Foods

Biblioteca del Progetto e Archivio Storico

15 Aprile – 1 Novembre 2015

La Biblioteca del Progetto della Triennale di Milano, in occasione della riapertura al pubblico del ristorante sulla terrazza è lieta di presentare la mostra Books&Foods, una selezione di materiali storici e contemporanei sugli spazi pubblici e privati della ristorazione, dalla caffetteria/ristorante nelle Triennali al Caffè Nicholson di New York, e una scelta di immagini, grafiche e fotografie che spaziano dall’ambiente cucina domestico all’home-cooking.

L’esposizione argomenta una visione della fruizione di luoghi conviviali e di ristoro in rapporto allo spazio della caffetteria e del ristorante in Triennale, tra i primi esempi in Italia di caffetteria/ristorante museale, con riferimenti a documenti e immagini d’archivio che attestano l’evoluzione degli allestimenti delle Esposizioni Internazionali dal 1933 ad oggi e in relazione ad un esempio di ristorante newyorkese dalla fine degli anni Quaranta, con testimonianze e fotografie storiche che ritraggono artisti, musicisti, scrittori e filosofi negli spazi del celebre Caffè Nicholson.


Salt & Pepper Shakers

Una sorprendente collezione di salini e pepini

13 Maggio – 29 Giugno 2015

Triennale Design Museum presenta Salt & Pepper Shakers, una selezione di circa 600 coppie di salini e pepini dalla collezione di Paola Trifirò Siniramed, curatrice della mostra. La collezione, iniziata circa 30 anni fa, con un occasionale incontro a Edimburgo con una coppia di cagnetti (l’uno con funzione di salino e l’altro di pepino) alla guida di una limousine anni ’50, oggi supera i 2.000 pezzi da modelli storici, ormai classici, a produzioni più recenti di designer e artisti.

Body Power

Howard Schatz

28 Maggio – 7 Giugno 2015

Repower presenta Body Power, la prima mostra italiana del grande fotografo americano Howard Schatz, dedicata interamente al corpo umano.

Body Power enuclea, dalla vasta produzione dei 25 anni di attività di Schatz, immagini dedicate alla potenza corporea, una selezione di circa 40 scatti il cui allestimento è stato curato da Peter Bottazzi.

Le fotografie provengono da alcuni dei piĂą noti progetti monografici di Howard Schatz: I danzatori di “Dance”, i pugili di “At The Fight” e “Boxing” gli atleti di “Athlete” i corpi di “Human Body” si incontreranno in una dimensione sognante e surreale nei lightbox che compongono l’installazione site specific.

Tutto in Howard Schatz è ricerca, genio e creatività. Tutto viene spinto agli estremi. La sua prima mostra italiana dedicata al corpo si presenta con una doppia chiave espositiva, una metaforica ed una più tradizionale e poetica.

“Le AffinitĂ  Selettive – Premio Lissone Design –

Speciale EXPO 2015”

a cura di Aldo Colonetti

Nell’ambito del progetto Triennale Xtra

Tema Coltivare

28-31 Maggio – Triennale di Milano

dal 6 Giugno – MAC – Museo d’Arte Contemporanea di Lissone

Trent’anni fa la Triennale di Milano ospitava la mostra, ideata dal Comune di Lissone, “Le affinità elettive”: un dialogo tra 21 grandi architetti sul tema utopico dell’abitare, dove interveniva il sistema artigianale e manifatturiero del territorio.

Oggi queste due istituzioni si ripresentano insieme per progettare un nuovo percorso, dedicato al tema dell’alimentazione: “Le affinità selettive: Premio Lissone Design. Speciale EXPO 2015”. Una serie di mostre ospitate, inizialmente, nella Sala Agorà della Triennale, per approdare poi al MAC, Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, il tutto durante i sei mesi di EXPO: protagonisti 12 designer dell’ultima generazione chiamati ad interpretare le tre fasi fondamentali del sistema dell’alimentazione: Coltivare Cucinare Mangiare.

Triennale di Milano
Viale Alemagna 6
20121 Milano

T. +39 02 724341
www.triennale.org

http://www.mi-lorenteggio.com

Newsletter