“22° Giornata Mondiale della Salute Mentale”

0
1.813 Numero visite

Il 10 ottobre 2014 p.v. ricorre come ogni anno, la “ 22° Giornata Mondiale della Salute mentale”, in questo si terrà la 2° Edizione “ Ospedali a porte aperte” dedicata alle donne che soffrono di disturbi mentali, neurologici o di comportamento

l_248_SALUTE

Infatti, da ricerche  statistiche ( ormai molto numerose e quasi inutili citare ! ), in Italia pare che il 60% delle donne, spesso in conseguenza di violenza domestica oggi molto in uso ed il 45% degli uomini, vanno incontro a disturbi psichici, problemi d’ansia, depressione, schizofrenia, anoressia, bulimia, psicosi, autismo, mutismo, epilessia gioco d’azzardo, Alzheimer, insonnia, stress, ecc, in Europa 1 cittadino su 3 soffre di disturbi mentali, 1 su 7 depressione, ansia.

L’iniziativa rilanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità purtroppo ogni anno ottiene un scarsissimo risultato, mentre i “suggerimenti” della n/s Associazione non si discostano da quanto contenuto nelle n/s Petizioni relativi e proposti per una legge-quadro nazionale di riforma dell’assistenza psichiatrica, giacenti in Parlamento fin dal 7 ottobre 1998 assieme alle Opere don Orione  don Guanella, ripetuta il 18 marzo 2013 per la risoluzione di questa  “peste sociale”, verso la quale l’attenzione resta gravemente carente :

budget del ricoverato  Petizione 2013

 

http://media02.radiovaticana.va/audio/audio2/mp3/00441892.mp3 e ripetuta il 30 agosto nel RadioGiornale delle ore 19,30 (13,47 /15,44) http://media01.vatiradio.va/podcast/feed/rg_italiano_sera_300814.mp3.

http://it.radiovaticana.va/news/2014/08/29/cristiani_per_servire_più_attenzione_ai_disabili/1105415

Sono “suggerimenti” che attingono la loro origine dalla cruda realtà, in quanto questi “malati” non vedono riconosciute concretamente le loro necessità e delle famiglie che non si sentono tutelate, mentre la società ha paura, costernata, disorientata per la propria incolumità, soprattutto quotidiana !   Ancora oggi 2014 non sono stati raggiunti quegli auspicati risultati gestionali attesi da ben 27 anni circa in quanto mancano le strutture intermedie ed alternative agli ex-manicomi siano essi normali o giudiziari in molte Regioni.   Persiste un antagonismo politico, una acerrima negazione di ogni valore etico, un diverbio ributtante, elementi che avvelenano l’atmosfera sociale che causano la perdita di priorità del Bel Paese .   Basterebbe un piccolo sforzo per raggiungere ed ottenere risultati molto redditizi sul piano umano e sociale, invece di constatare una sconfitta delle Istituzioni, una omissione che va a danno delle famiglie, della società, della sicurezza dei cittadini, insomma del bene comune.   Spero che il Parlamento ed il Governo in carica in carica riescono a recepire questo messaggio e riconoscere la priorità e l’urgenza di questo grosso problema.   E con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° : “ Andiamo avanti con speranza!   Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire   La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto né gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti .

Newsletter