Giornata dello sport paralimpico “Un aiuto contro l’isolamento”

0
1.218 Numero visite

MODENA – “L’inserimento nel mondo dello sport deve portare a rompere l’isolamento che troppo spesso accompagna la vita di un disabile: lo sport aiuta a combattere non solo l’abbandono ma anche le diversità”. È questa l’idea di Gianni Scotti, presidente del Comitato italiano paralimpico dell’ Emilia Romagna, in merito all’ottava Giornata nazionale dello sport paralimpico che si svolgerà 10 ottobre in contemporanea in 5 città italiane.

Orazio Fagone in un'azione dell'incontro di hockey su slittino Italia-Giappone (foto Ap)
Orazio Fagone in un’azione dell’incontro di hockey su slittino Italia-Giappone (foto Ap)

Tra queste anche Modena, dove, mercoledì  si incontreranno più di 2.000 studenti delle scuole elementari provenienti da tutte le province della regione. “Normodotati e disabili possonogareggiare insieme perché ci sono alcune discipline, come il tiro con l’arco, che permettono un confronto alla pari tra atleti – spiega Fabio Azzolini, tiratore con l’arco alle paralimpiadi di Pechino del 2008 e Londra 2012, nonché uno dei principali testimonial che sarà presente alla manifestazione –. Io gareggio con i normodotati ogni domenica e poi partecipo anche nelle competizioni riservate ai disabili. Il tiro con l’arco mi ha dato, e continua a darmi, tante soddisfazioni”.

L’appuntamento è alle 8.30 al parco piazza d’Armi Novi Sad, ma la giornata prenderà il via alle 7.45 con l’accensione fiaccola nel comune di Mirandola per poi arrivare in città alle 8.45. Spazio allo sport dalle 9.15, quando gli studenti, accompagnati dai ragazzi dei licei sportivi di Parma e Ferrara, avranno la possibilità di districarsi fra gli stand montati dentro il parco, confrontarsi con diverse discipline paralimpiche, dal tennis fino all’arrampicata, passando dall’equitazione e dal tiro con l’arco.

Altri ospiti saranno il pallavolista tre volte campione del mondo Andrea Lucchetta, Massimo Dalla Casa, tiratore nella specialità Carabina alle Paralimpiadi di Londra 2012 e l’atleta paralimpico polivalente Lorenzo Major. Conclusa la giornata, non finisce l’impegno del Cip Emilia Romagna che proseguirà sabato 12 ottobre con il convegno “Educare con lo sport: una sfida possibile”, organizzato dal Comune di Novellara (Reggio Emilia), in programma alle 9.30 al Teatro della Rocca Franco Tagliavini, al quale sarà presente, tra gli altri, anche la nuotatrice non vedente vincitrice di due ori paralimpici, Cecilia Camellini. Anche quest’anno Radio Bruno, media partner locale dell’evento, sarà presente alla manifestazione, con una postazione per intervistare i protagonisti e seguire la giornata. La giornata è stata organizzata dal Comitato Italiano Paralimpico, col sostegno di Enel Cuore Onlus e sotto il patrocinio di Unicef. (i.l.)

http://www.affaritaliani.it/

Newsletter