Disabilità: Cristiani per servire, la politica dia “risposte concrete”

0
758 Numero visite
PUBBLICITA

La richiesta alla politica di “fatti concreti e non parole”, soprattutto dopo l’ultima escalation di violenze contro i disabili.

PUBBLICITA

disabileSpinto-267x200Ad avanzarla, ancora una volta, è Franco Previte, presidente dell’associazione “Cristiani per servire”, sottolineando la nostrana “carenza di adeguate ‘risposte’ nel campo della disabilità”. 

“Ancora una volta – osserva in una nota – dobbiamo inchinare la testa di fronte agli episodi di maltrattamenti che subiscono i disabili psico fisici” mentre “le nevrosi canine/gattine hanno maggiore attenzione dei disturbi psico-patologici delle persone, di quanto avviene nelle strutture che dovrebbero curare i malati, specie quelli con seri problemi fisici e psichici che non sanno dove andare a curarsi, od ottenere provvedimenti legislativi ed economici prioritari”. “Quale futuro – si chiede Previte – è riservato a questi desaparecidos della nostra civiltà?”, in realtà “cittadini a pieno titolo con pari diritti e pari opportunità”. “Fin oggi, verso il mondo della disabilità è stato fatto molto poco ed il futuro è oscuro”.

Di qui la richiesta di impegno da parte dei cristiani e il richiamo a un tweet del Papa: “Non basta di essere cristiani, bisogna vivere la fede non con le parole, ma con le opere” e “un forte e vivo richiamo, anche, verso i ‘padroni’ della res pubblica perché facciano fatti concreti e non parole”.

 

http://agensir.it/

Notizia