La sua sarebbe stata una vita segnata dall’impossibilità di sentire, le voci dei genitori e degli amici e compagni di scuola, quindi dall’impossibilità di esprimersi con la sua stessa voce.

Ora, invece, per un bimbo di sette anni non udente si apre una nuova vita, e grazie all’eccezionale intervento condotto venerdì scorso dall’équipe di Otorinolaringoiatria dell’Aou di Sassari, guidata dal professor Francesco Bussu, che ha impiantato a Sassari il primo impianto cocleare in un bambino di quell’età.

L’impianto cocleare è un organo artificiale, una sorta di “orecchio bionico”, che consente a persone non udenti di percepire i suoni e le parole. Il piccolo operato, che nei giorni scorsi ha lasciato il reparto per fare ritorno a casa, avrà quindi una vita e una socialità normali.

“La sordità, soprattutto nei bambini, – spiega il professor Bussu – è un problema per il quale la nostra sanità deve garantire le cure direttamente in Sardegna. La chiave è la gestione della complessità di questi bambini, dalla diagnosi alla chirurgia, alla riabilitazione completa”.

“Oggi – prosegue Bussu – noi abbiamo finalmente una struttura che ci consente di garantire tutti questi aspetti con tutte le figure professionali necessarie, incluse tecniche audiometriste e logopediste”.

LA PROTESI – L’impianto cocleare è un orecchio artificiale elettronico che può ripristinare la percezione uditiva nelle persone che sono affette da una sordità profonda.

È definito anche “orecchio bionico” e sostituisce la coclea patologica spedendo al nervo acustico rumori, suoni e voci. È considerata anche una “neuroprotesi”, perché si sostituisce alla trasmissione dell’informazione sensoriale al sistema nervoso.

ASSISTENZA AL PRIMO – “Le nostre strutture e i nostri professionisti dimostrano quanto sia importante non fermarsi – afferma il commissario dell’Aou Antonio Lorenzo Spano – soprattutto in questo periodo di pandemia. L’obiettivo è offrire ai cittadini le migliori risposte assistenziali e questo risultato rappresenta un momento di crescita e di investimento nel futuro, che può essere raggiunto soltanto attraverso un lavoro in équipe e la promozione delle conoscenze e dello scambio tra gruppi di lavoro, anche con aziende di rilievo nazionale”.

Anche l’Ateneo turritano ha espresso i complimenti agli otorini dell’Aou per il risultato ottenuto. “L’Università di Sassari è soddisfatta del livello di eccellenza raggiunto dall’équipe di Otorinolaringoiatria – commenta il rettore, professor Gavino Mariotti -. Esprimo a nome dell’Ateneo molti complimenti al professor Francesco Bussu”.

All’intervento realizzato a Sassari hanno partecipato il professor Gaetano Paludetti, luminare e direttore dell’Otorinolaringoiatria del Gemelli di Roma, e la sua collaboratrice, la dottoressa Anna Rita Fetoni.

“È stato riattivato il corso di laurea in Logopedia che contribuirà a mantenere e incrementare le competenze presenti nelle nostre strutture – aggiunge ancora Bussu -. Per questo ringrazio l’Ateneo e l’Aou di Sassari che hanno visto l’importanza del problema e, in più fasi, hanno sostenuto e supportato il percorso di crescita che ci ha portato a questi importanti risultati”.

(Unioneonline/v.l.)

 

Notizie via email