La mostra felina: quando il gatto è Certosino finisce in passerella

0
823 Numero visite

Vi conquistano. Vi stupiscono. E vi fanno innamorare. Sono gli 800 gatti che arrivano da tutto il mondo per il «SuperCat Show 2016», la mostra felina dei record, sabato e domenica alla Nuova Fiera di Roma.

6918434-kuwd-u4325051408898mfd-1224x916corriere-web-roma-593x443È l’edizione numero diciassette, e la promessa è quella di due giorni di «felicità» in compagnia dei mici più belli e rari del pianeta, ma anche di quelli di «razza stradale»: vi saranno, infatti, concorsi di bellezza e adozioni di gattini abbandonati, veterinari a disposizione, spettacoli e giochi, arte sul tema, spazi per bambini e per la cultura con libri specializzati, approfondimenti sulla pet therapy

I numeri parlano di 11 mila metri quadri di esposizione e di due palchi, uno per le gare di bellezza ed uno per conoscere meglio le razze in concorso: dagli eleganti Persiani, ai Siberiani, dai Kurilian Bobtail delle isole russe ai Kuril abissini, ai grandi Maine coon, ai «nudi» Peterbold e Don Sphinx, ai grigi Certosini ai Norvegesi delle foreste, ai turchi del lago Van, dagli occhi bicolori azzurri e verdi (gli unici al mondo che amano nuotare), ai Bengal fino ad una razza nuovissima i Seychellois

E se sono più di 400 felini con il pedigree, provenienti dai migliori allevamenti del pianeta, che esibiranno in questi due giorni il loro charme e la loro bellezza (vi parteciperanno quattro campioni italiani) , altre decine di trovatelli cercheranno una famiglia: sono quelli della sezione «Qua la zampa», a cura dell’ Arca onlus, partner storico della mostra, che gestisce l’oasi felina di Porta Portese e vuole sensibilizzare i visitatori (oltre 100 mila a esibizione negli ultimi tre anni) contro gli abbandoni. «Non avrei mai immaginato di organizzare questa mostra senza Matilde Talli, la più grande “gattara” di Roma – ha detto Gianluca Guarino, patron di SuperCat Show – in sua memoria daremo una targa al marito Franco Papi e daremo continuità al gruppo di volontari, come la sua vice Marzia Pacella, che Matilde in questi anni ha formato per amore dei gatti della capitale». Al suo ricordo saranno dedicate le adozioni, anche in nome di Orlando, un gattone rosso che ancor oggi tutte le mattine la aspetta a Porta Portese.

Se eleganza e bellezza impegneranno dieci giudici internazionali per la nomina del «Trofeo Monge SuperCat dell’anno», simpatia e solidarietà saranno determinanti per eleggere «Mister Gatto di Casa». Altri premi, come «Alberto Sordi», nel cui nome è lo slogan dell’edizione «Perché io so io e voi non siete un…gatto», del Marchese del Grillo, «Very Important Cat» al vip gattaro, il «Chilometrico» (all’allevatore che proviene da più lontano), e il concorso fotografico «Scatto al Gatto».

http://roma.corriere.it

 

Newsletter