Griffin, il supercane che aiuta la padrona disabile a vestirsi

0
1.583 Numero visite

La aiuta a vestirsi, carica la lavatrice e cambia i canali della televisione. Griffin, un Golden Retriver addestrato per prestare assistenza ai disabili, è diventato un compagno insostituibile per la sua padrona, Claire Syversten.

giulia merlo

vlcsnap-2015-05-11-10h01m52s183-kO2F-U1050152661782N5B-700x394@LaStampa_it

La ventiseienne inglese soffre della sindrome Ehlers Danlos, una patologia ereditaria degenerativa che colpisce i legamenti e le ossa che la costringe su una sedia a rotelle, e anche il minimo movimento potrebbe provocarle la rottura delle giunture.

«Griffin è il mio eroe. Mi ha restituito la fiducia che avevo perso, davvero non potrei vivere senza di lui. La mia condizione mi limita moltissimo e prima di avere Griffin dovevo dipendere in tutto e per tutto dagli altri. Adesso lui fa tutto al posto mio», ha detto Claire, che ha incontrato il suo amico a quattro zampe attraverso il Canine Partners, un centro che si occupa di mettere in contatto i disabili con i cani da assistenza.

vlcsnap-2015-05-11-10h01m24s247-k4uH-U1050152661782T0C-700x395@LaStampa_it

«Quando lo ho visto è stato amore a prima vista, appena ci siamo incontrati ho saputo che sarebbe diventato il mio cane». Claire e Griffin sono compagni inseparabili da due anni ormai e le incredibili capacità del cane attirano sempre moltissimi curiosi, soprattutto al supermercato.

Il golden retriver, infatti, prende dagli scaffali le cose che la padrona gli indica, mette in buste separate frutta e verdura e consegna alla cassiera il portafoglio. «Prima di Griffin ero sempre molto nervosa quando dovevo uscire di casa, ora invece non è più un problema perchè so che lui si occuperà di tutto», ha raccontato Claire.

Il cane è stato addestrato ad aiutare Claire in ogni aspetto della vita domestica: è in grado di aprire e chiudere le porte, la aiuta a svestirsi, a spostarsi dalla sedia a rotelle elettrica a quella manuale e, quando suona il telefono, è lui a prenderlo e portarlo alla padrona.

«Griffin fa davvero la differenza nella vita quotidiana di Claire e come lui ci sono altre centinaia di cani che lavorano con i loro proprietari disabili. La loro presenza restituisce ai malati l’indipendenza, ma anche l’autostima e la sicurezza. Diventano veri e propri compagni di vita», ha spiegato Jenny Moir, che si occupa di addestrare i cani per il Canine Partners.

 

*****AVVISO AI LETTORI******

Segui le news di LaZampa.it su Twitter (clicca qui) e su Facebook (clicca qui)

 

Newsletter