Il cane finanziere Saco con il “fiuto” per le banconote

0
1.084 Numero visite

Una capacità inusuale: annusare droga e banconote con la facilità di chi è nato per combattere l’illegalità.

renato balducci

1217777_1410508902-1732-kU4C-U10303078701490ALD-640x320@LaStampa_it
Il cane Saco è in forza alla Compagnia della Finanza di Domodossola (foto Studio Rds)

Una qualità che rende «Saco», il solo cane in Italia capace di fiutare sia la droga che il denaro nascosti da chi passa la frontiera senza dare nell’occhio. Un cane, più unico che raro, quello in forza alla Compagnia della guardia di finanza di Domodossola, che trascorre gran parte della giornata alla stazione ferroviaria di Domodossola, impegnato molte ore al giorno alla ricerca di chi prova a far transitare droga e valuta sui treni.

Questo labrador retriever è nato otto anni fa al centro di allevamento e addestramento cani che le Fiamme Gialle hanno a Castiglione del lago, in Umbria. «E’ risultato primo al terzo corso sperimentale per cani antidroga e a febbraio ha preso parte al corso cash dog: oggi è il solo cane antidroga in Italia ad avere anche la qualifica per scoprire valuta» spiega il capitano della Compagnia, Antonio Mangeri.

«Il suo fiuto – prosegue – ha permesso in tre anni di sequestrare in Ossola un chilo di droghe leggere come hashish e marijuana, e circa 17 chilogrammi di sostanze stupefacenti pesanti come eroina e cocaina. Dalla fine del corso cash dog ha rinvenuto contanti detenuti illecitamente per oltre 100 mila euro e 480 banconote false di vario taglio».

Saco lavora in coppia col brigadiere Giordano Buccarelli, il suo conduttore, e con le pattuglie che operano sui treni internazionali tra le stazioni di Domodossola e Briga.

«La scoperta di droga e valuta sono un gioco per il cane. Per il denaro si allena con piccoli sacchetti di banconote triturate» spiega Buccarelli. L’ultima novità sul fronte della lotta all’illegalità è che la Finanza sta preparando, in accordo con la multinazionale Philip Morris, anche cani anti tabacco per contrastare l’ancora diffuso contrabbando di sigarette. Oggi le «stecche» arrivano da paesi dove un pacchetto di sigarette costa solo un euro. Con guadagni che si possono facilmente immaginare.

http://www.lastampa.it

 

Newsletter