Terremoto, da Parma i soccorsi della Protezione civile

0
1.094 Numero visite
PUBBLICITA\'

Partiti nel pomeriggio di mercoledì i mezzi sanitari, il Pronto soccorso mobile e il camion-cucina con i prodotti donati dalle aziende del territorio: fornisce circa 600 pasti caldi ogni due ore. Pizzarotti: “Parma farà la sua parte”

PUBBLICITA\'

di ALESSANDRO TRENTADUE

171423817-7b7a89be-28d5-4e93-8bcb-c99fef70f7e1

Parma in soccorso delle persone colpite dal terremoto che nella notte di mercoledì ha devastato l’Italia centrale.

Dalla nostra città, in giornata, è partita la squadra dei volontari della Protezione civile in soccorso della popolazione colpita, che verrà destinata alla missione specifica una volta raggiunti i centri con edifici crollati e vittime accertate in seguito alla scossa di magnitudo 6.0.
Sono stati allestiti nel pomeriggio di oggi, mercoledì, e quindi partiti dal centro operativo di via del Taglio una decina di mezzi della colonna mobile regionale, per contribuire ad affrontare da subito l’emergenza provocata dal sisma
Tra questi, il camion con la cucina d’emergenza – la prima in Regione a partire – che permette un’autonomia di quattro-cinque giorni, e fornisce circa 600 pasti caldi ogni due ore. Il camion cucina è carico di prodotti alimentari donati dalle aziende di Parma.

“Fin dalle prime ore della mattina il centro era attivo per preparare la partenza di oggi – dichiara a Repubblica Parma Daniele Fratta, tecnico dell’ufficio comunale di Protezione civile – stiamo inviando i mezzi e i materiali per far fronte a questa prima fase di emergenza acuta”.

Oltre venti i volontari della Protezione civile di Parma destinati alla missione, diversi servizi sanitari mobili anche per i disabili. In direzione delle regioni colpite, anche un Posto medico avanzato: un avamposto sanitario da campo – una sorta di “Pronto soccorso mobile” – che presta le prime cure e valuta le condizioni delle persone soccorse. Quattro le associazioni del nostro territorio che partono come soccorso sanitario: Seirs, Anpas Parma, Anpas Traversetolo e Anpas Fornovo. Venti persone dotate di tre fuoristrada, due ambulanze, due posti medici avanzati, tre pullman anche per il trasporto disabili, più l’attrezzatura per il recupero traumatizzati.

“C’è l’urgenza di partire ma non si può partire allo sbaraglio – valuta Claudio Pattini, responsabile della Protezione civile del Comune – occorre partire organizzati per non creare maggiore confusione. Serve organizzazione, metodologia e la giusta tranquillità, perché si va ad affrontare una situazione che aumenterà lo stato d’ansia di tutti, e per evitare che i soccorritori diventino i soccorsi bisogna muoversi con sistema”.

La Protezione Civile di Fidenza ha inviato due unità cinofile accompagnate dal supporto logistico (membri dell’Associazione Nucleo Cinofilo Soccorso Fidenza) per raggiungere la colonna mobile regionale a Reggio Emilia. Altre risorse sono pronte a muoversi con con effetto immediato.

Pizzarotti: “Parma farà la sua parte” – “Profondo dolore per la tragedia che ha colpito il centro Italia. Siamo vicini alle vittime e alle loro famiglie, mi auguro che la macchina dei soccorsi sia la più efficiente ed efficace possibile. Parma è al fianco di tutti gli italiani che in questo momento stanno vivendo momenti drammatici e farà la sua parte come sempre”.

Le azioni della Regione – Un campo della Protezione civile dell’Emilia-Romagna sarà allestito a Montegallo in provincia di Ascoli Piceno, dove si sta recando una colonna di volontari e tecnici. Aperto un conto corrente per le donazioni.

Nel pomeriggio di mercoeldì diverse località della regione, su richiesta della Protezione civile nazionale, si sono messe in marcia verso le zone colpite unità cinofile e 20camion con tende, cucine e attrezzature di emergenza per l’allestimento di un campo. La colonna – con a bordo un centinaio di volontari e tecnici dell’Agenzia regionale di Protezione civile dell’Emilia-Romagna – raggiungerà e allestirà il campo nel Comune di Montegallo (Ascoli Piceno).

Come versare – La Regione ha aperto un conto corrente unico regionale per la raccolta di fondi che saranno destinati alle esigenze delle popolazione e dei territori colpiti. Questo Iban e causale del conto corrente intestato a Agenzia Protezione Civile Emilia-Romagna: IBAN IT69G0200802435000104428964 – Causale: Emilia Romagna per sisma Centro

Italia. Il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ha anche attivato un numero unico per gli sms solidali che ti chiediamo di promuovere per eventuali donazioni telefoniche.Il numero unico è 45500.

Infine, la Regione, nei prossimi giorni, inizierà la selezione del personale tecnico e amministrativo da mettere a disposizione per la fase post-emergenziale: dai tecnici per lo smaltimento delle macerie ai nuclei per le valutazioni speditive per verifica dei danni.

http://parma.repubblica.it

PUBBLICITA\'
Notizia