Chiedevano soldi per bimbi sordomuti, in borsa avevano abiti rubati. Denunciate due romene

0
703 Numero visite

Chiedevano soldi per una fantomatica onlus per aiutare bimbi sordomuti, ma in borsa avevano magliette rubate in un negozio del centro storico di Caltanissetta.

8701071423_15dc76c98d_bÈ così che la Polizia di Stato, giovedì pomeriggio, ha denunciato due donne romene per ricettazione. In particolare per tre capi di abbigliamento taccheggiati. Tutto è successo quando le due donne, di 25 e 20 anni, sono state fermate dai poliziotti della Sezione Volanti, nel corso dei servizi di controllo del territorio, presso l’Ospedale Sant’Elia. Entrambe, infatti, si professavano appartenenti di una non meglio precisata quanto fantomatica associazione internazionale in difesa dei bimbi sordomuti, chiedendo per questo fine delle donazioni in soldi.
Condotte entrambe in Questura, le due donne sono state fotosegnalate e identificate. A loro carico sono emersi numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio (furti, ricettazioni).
Da una perquisizione personale eseguita sulle giovani gli agenti rinvenivano tre magliette nelle borse. Da un controllo le magliette risultavano provenire da un negozio mono marchio presente di Piazza Garibaldi.
Da un controllo eseguito presso il negozio, attraverso l’etichetta con il codice a barre, i poliziotti hanno accertato che le tre magliette erano state trafugate proprio da quel negozio poiché mancanti dalla giacenza di magazzino.
Un ritrovamento che ha fatto scattare le denunce per ricettazione alla Procura della Repubblica. Sulla raccolta di soldi effettuata dalle due ragazze romene presso l’Ospedale la Polizia sta eseguendo accertamenti per verificare l’esistenza dell’associazione. Tutta la documentazione rinvenuta addosso alle donne è stata sequestrata.

FONTE: http://www.ilfattonisseno.it/

 

Newsletter