Nepal, l’aeroporto più pericoloso al mondo: di sir Hillary

0
1.744 Numero visite

Nepal. Immagini molto d’effetto dell’aeroporto di Lukla. Costruito nel 1965 da Sir Edmund Hillary in persona (sì, proprio il conquistatore dell’Everest), si è conquistato la reputazione come uno dei più pericolosi ed estremi aeroporti del mondo.

16203023

 GUARDA LE FOTO

Non c’è da stupirsi, si potrebbe dire con un filo di sarcasmo, data la tipologia del progettista e  il target cui evidentemente lo aveva destinato, amanti dell’estremo del suo calibro. Ad oggi, con il turismo (relativamente) di massa che ne usufruisce, l’effetto è sicuramente spaventoso o perlomeno anacronistico. Di certo, i 2.843 metri di altitudine, l’orografia del territorio circostante e la conseguente “soggezione” dell’area a correnti e intemperie ben oltre la norma non aiutano.

Ma l’effetto, per un utente normale, è davvero impressionante. Né la qualità del comfort dei servizi a terra aiuta: alcune delle immagini sono state scattate, recentemente in un paio di giornate in cui gli aerei sono stati bloccati causa avverse condizioni meteo, e la piccola folla che normalmente va e viene da Lukla è diventata quasi ressa… In altre parole, uno scalo che non è da tutti, ma non l’unico caso, nei luoghi del turismo “estremo”: chiunque abbia osato volare in Patagonia (ad esempio da Puerto Natales a El Calafate), su aerei 7 posti, con venti che nel mondo “civile” indurrebbero a lasciare a terra i jet, sa di che cosa si parla. E, nella maggior parte dei casi, accetta di buon grado simili disagi e piccoli rischi. Forse ne è quasi contento

[20 giugno 2013]
Newsletter