Home Notizie Lo sfogo di una precaria: “Lingua dei segni, un requisito poco considerato...

Lo sfogo di una precaria: “Lingua dei segni, un requisito poco considerato per il sostegno”

La docente: “Mi era stato detto che la conoscenza della LiS non dava punteggio poi scopro che c’è una cattedra scoperta”

Non si candida per il sostegno pur essendo a conoscenza della lingua dei segni e poi scopre, quando ormai è tardi, che è scoperta una cattedra che richiedeva proprio quel requisito. A raccontare la disavventura è una docente precaria, Ilaria Corsi, che si era rivolta ad un collaboratore del Miur al momento dell’aggiornamento delle graduatorie.

“Sono un’insegnante precaria – spiega Ilaria Corsi – ho un attestato di conoscenza della lingua dei segni terzo livello, corrispondente ad un livello europeo B2 di una normale lingua straniera. Nell’estate si sono aggiornate le graduatorie e questo mio titolo, a domanda specifica rivolta al professor Bruschi, collaboratore del ministro Azzolina: mi sento rispondere che per tale competenza non c’è posto nè riconoscimento in termini di punteggio. Delusa ed in parte arrabbiata finisco di compilare la mia domanda. Settembre, iniziano le prime convocazioni, rinuncio a candidarsi per il sostegno, in o arte per rabbia in parte per delusione. Partecipo alle convocazioni sulla materia e prendo una cattedra al Fermi Giorgi al 31 agosto”.

“Per caso il giorno 1 ottobre leggo le disponibilità residue di materia e sostegno e scopro la cattedra di sostegno per la quale è obbligatoria la conoscenza della LiS. Mi sale una rabbia incredibile, qui si lede il diritto allo studio di un alunno sordo segnante, gli viene negata la giusta assistenza. In provincia di Lucca gli insegnante di scuola superiore con competenze in LiS, si contano sulle dita di una mano. Siamo due oltre persone. Tutte già impiegate su altre cattedra, quindi se non si trova qualcuno in province vicine, la cattedra verrà assegnata ad insegnanti che non segnano? Questo è il diritto allo studio? Io sono stanca di sentirmi dire che la LiS non serve a niente, che non si può riconoscerla”.

 

webdesigner
webdesignerhttps://www.sordionline.com/
Nato in provincia di Latina, classe 1959, fondatore del sito dal 2002 e sono molto orgoglioso di essere “sordomuto” e non sordo, l’ho realizzato in proprio fino ad oggi ed in forma del tutto volontaria
Annuncio pubblicitario
Smartphone Samsung

Articoli recenti

Covid: oltre 45 milioni di casi nel mondo, un milione in due giorni

I morti causati dal virus nel mondo sono 1.181.075, mentre le persone guarite sono 30.301.655 Il bilancio dei casi di coronavirus registrati nel mondo ha...

Covid: nuova media record di contagi in Belgio, +38%

Sale anche il tasso di mortalità, +43,9% BRUXELLES, 30 OTT - Tra il 20 ed il 26 ottobre, il Belgio ha registrato una media di...

Alunni con autismo e disabilità fuori dalle scuole: “si prendano provvedimenti”

Il Comitato Uniti per l’Autismo Calabria, esprime preoccupazione per un nuovo allontanamento dalla scuola degli alunni con disabilità e chiede con urgenza che si...

Bergamo uno sportello psicologico per riprendersi dal Covid

Sarà attivo fino al 31 gennaio ed è destinato ai cittadini che non riescono a superare emotivamente l’emergenza ancora in atto Si chiama “Psicoaiuto Bergamo....

Recent Comments

Associazione Nazionale Sordi Onlus on Ens, l’unico ente per la tutela delle persone sorde
Luca Iacovino on Sordi contro Sordi