MED-EL: solo il 28% degli italiani sarebbe in grado di riconoscere un deterioramento dell’udito

Per un italiano su due la musica ha un ruolo essenziale nella vita. Con la campagna “La tua vita. La tua colonna sonora” MED-EL pone l’accento sulla salute dell’udito

0
13 Numero visite
PUBBLICITA
  • Quattro Italiani su 10 non hanno mai effettuato un test dell’udito
  • Sette italiani su 10 non si accorgerebbero di un peggioramento del proprio udito
  • Più della metà degli italiani (54%) ascolta musica ogni giorno, ma solo il 31% è consapevole dei rischi associati all’ascolto di musica ad alto volume

 

PUBBLICITA

Milano, 7 Novembre, 2022 – MED-EL, leader mondiale nelle soluzioni per l’udito, lancia oggi la campagna ‘La tua vita. La tua colonna sonora’ con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla salute dell’udito e ricordare che, se è vero che la musica non ha età, non ce l’ha neppure l’ipoacusia.

Comunicato stampa:
CS_Campagna MED-EL

Da un’indagine globale condotta da MED-EL a maggio 2022, su 12.000 persone in tutto il mondo, emerge che, nel sotto-campione italiano, la musica svolge un ruolo fondamentale nella vita di 1 italiano su 2. Tuttavia, solo il 28% intervistati sarebbe in grado di riconoscere un deterioramento dell’udito.

Il tema dell’ipoacusia diventa sempre più importante al giorno d’oggi, poiché le persone sono costantemente esposte a suoni e musica. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci avverte che l’ipoacusia è in aumento, con 2,5 miliardi di persone a rischio di ipoacusia entro il 2050. Sempre secondo l’OMS, la perdita uditiva è la terza condizione di salute cronica più diffusa tra gli anziani. Nonostante ciò, l’ipoacusia può rimanere non trattata per molto tempo: in media gli adulti possono aspettare fino a 10 anni prima di rivolgersi a un medico.

‘È importante parlare di ipoacusia per far sì che le persone possano riconoscere i segnali e agire immediatamente. L’ipoacusia può colpire chiunque, a qualsiasi età. Chi perde completamente l’udito deve sapere che esistono soluzioni. Attraverso la nostra campagna vogliamo spronare chi ha perso l’udito a non scoraggiarsi e a fare il primo passo per tornare a sentire e poter riascoltare la musica, arte che permea le nostre vite e crea legami emotivi con persone, luoghi e momenti’ afferma Romed Krösbacher, Direttore di MED-EL Italia.

La musica è la colonna sonora della vita

Più della metà delle persone intervistate (51%) ha dichiarato che la musica è una parte fondamentale della propria vita. Un dato che non ha certo sorpreso Johanna Boyer, musicologa di MED-EL: ‘La musica è molto importante per la gran parte delle persone. È ovunque, non ci lega solo emotivamente a ricordi speciali di famiglia e amici, culture o eventi, ma contribuisce anche alla qualità della nostra vita. Per chi è affetto da ipoacusia può sembrare che il legame con la musica sia perso per sempre, ma non è così.’

Alberto, chitarrista di 47 anni e portatore di impianto cocleare, è d’accordo:La musica significa molto per me. Grazie al mio impianto cocleare non ho dovuto rinunciare a questa passione e sto riconquistando una parte importante della mia vita“.

Bassa consapevolezza della salute del proprio udito

L’indagine ha rivelato che il 54% dei nostri connazionali dichiara di ascoltare musica ogni giorno, ma solo il 31% degli italiani è consapevole che l’ascolto di musica ad alto volume può causare danni permanenti. È interessante, inoltre, notare che sono proprio i più giovani (fascia d’età 18-14 anni) ad esserne maggiormente consapevoli (44%).

Inoltre, sebbene un italiano su 3 conosca qualcuno affetto da ipoacusia, la consapevolezza generale del problema è ancora molto bassa. Il 44% degli italiani, infatti, ha dichiarato di non essersi mai sottoposto a un test dell’udito[1] e solo quattro italiani su 10 si recherebbero immediatamente da un professionista, in caso avvertissero un calo dell’udito.

MED-EL intende creare un impatto positivo mettendo le persone in condizione di parlare apertamente dell’ipoacusia e di riconnettersi alla musica che tanto amano. Per queste ragioni, consapevole di quanto sia importante che ogni persona si senta rassicurata e sappia che ci sono dei passi da fare se si è a rischio di o si è affetti da ipoacusia, la campagna “La tua vita. La tua colonna sonora” permette a tutti di effettuare un test dell’udito online gratuito, di informarsi sul problema e di connettersi direttamente con una rete globale di volontari che convivono con l’ipoacusia, o con un esperto dell’udito.

Per ulteriori informazioni: Alessia Spoto

Senior Client Executive

OmnicomPublicRelationsGroup Italy

 

Notizia